28 settembre 2017

GIOVANI MEDICI: #UNFUTUROANCHEPERNOI!
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANAAO GIOVANI-FIMMG FORMAZIONE ROMA 28 SETTEMBRE 2017 DAVANTI AL MIUR - I comunicati stampa, le lettere a Governo e Regioni, la locandina e la rassegna delle citazioni

Anaao Giovani e Fimmg Formazione chiedono un incontro urgente al Ministro Fedeli e al Coordinatore salute Saitta: non si può continuare a negare il diritto sacrosanto alla formazione post-lauream, senza la quale il medico non può accedere al mondo del lavoro, con un danno incalcolabile sia per tanti giovani professionisti che hanno investito anni di studio, fatica e denaro, che per l’intera comunità. Non si può continuare a negare il diritto ad avere un futuro. PER PARTECIPARE CLICCA QUI




leggi il comunicato stampa - 4 settembre 2017
leggi la lettera inviata al Governo e alle Regioni - 4 settembre 2017
il comunicato stampa - 8 settembre 2017
il regolamento per l'ammissione alle scuole di specializzazione - GU del 6 settembre 2017
la lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri - 12 settembre 2017
la locandina in formato pdf












COME ARRIVARE A LARGO BERNARDINO DA FELTRE DALLA STAZIONE TERMINI
Partenza da Stazione Termini (Piazza dei Cinquecento)
A piedi per 100mt recarsi alla fermata H (DEI CAPASSO) per 7 fermate
Scendere alla fermata TRASTEVERE/MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE
A piedi per 200mt
Arrivo a Largo Bernardino da Feltre


LA RASSEGNA STAMPA
Il comunicato stampa Anaao Assomed Settore Anaao Giovani e Fimmg Formazione è stato ripreso da
ANSA
ADNKRONOS SALUTE
IL MANIFESTO
INSALUTE NEWS
IL FARMACISTA ONLINE
LASICILIA.IT
MILLEUNADONNA.IT
QUOTIDIANO SANITÀ
PANORAMA DELLA SANITÀ
SANITÀ24
DOCTOR33
MD DIGITAL
PAGINEMEDICHE.IT
NEWSTOWN.IT

leggi gli articoli

22 settembre 2017

III CONFERENZA NAZIONALE ANAAO GIOVANI - "Quali ruoli e quali competenze per i medici di domani?" 22/23 Settembre - Hotel Bologna Fiera - Piazza della Costituzione 1

Il PROGRAMMA DEFINITIVO e il video di presentazione

Venerdì 22 settembre 2017

13.30  REGISTRAZIONE dei partecipanti

14.00  APERTURA della 3a Conferenza Nazionale Settore Anaao Giovani
 SALUTO DELLE AUTORITA’
 INTRODUZIONE Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao Assomed
 PRESENTAZIONE Domenico Montemurro Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

14.15  SINDACATO 2.0: ORGANIZZAZIONE E CARRIERE
Moderatori: David Giannandrea - Andrea Rossi
- Le riorganizzazioni in Sanità: occasione mancata? relatore Fabio Florianello - discussant Vinicio Rizza
- Calcolo delle dotazioni organiche e orario di lavoro: modelli regionali a confronto. relatore Carlo Palermo - discussant Dario Amati
- La mia carriera professionale: un miraggio? relatore Giuseppe Montante – discussant Emiliano Altavilla
- Lo stato giuridico: limiti e vantaggi della dipendenza relatore Cosimo Nocera

15.15  Discussione e confronto con i partecipanti
 
17.00 SANITA' PRIVATA E PUBBLICA: QUALE MIX?
 Moderatore: Simona Bonaccorso
 - I numeri della Sanità Privata tra fondi e assicurazioni relatore Fabio Florianello - discussant Maurizio Cappiello
 - Il giusto mix tra sanità pubblica e privata: un nuovo contratto di lavoro? relatore Alberto Spanò - discussant Gabriele Gaggero
 - LEA e fondi sanitari: il ruolo del secondo pilastro relatore Mario Lavecchia – discussant Gabriele Romani
 - La sanità low cost: il modello emiliano relatore Claudio Aurigemma – discussant Matteo D’Arienzo

16.35  Discussione e confronto con i partecipanti

17.00  MEDICAL LEADERSHIP
Moderatori: Alessandro Conte - Pierino Di Silverio
- Contesto europeo e contesto italiano. Stato dell’arte. relatore Hrvoje Sobat – discussant Michele Negrello
- Significato, campo d’azione, preparazione accademica o sul campo? relatore Stefano Magnone – discussant Bruno Nicora
- Medical leadership e ruolo sindacale a livello locale: due figure distinte? relatore Cosimo Nocera – discussant Luigi Orsini
- Medical leadership e taskshifting. Può la delega ad altre figure professionali rinforzare il ruolo del medico come team leader? relatore Enrico Reginato - discussant Alessandra Spedicato

18.10  Discussione e confronto con i partecipanti

18.30 Chiusura lavori prima giornata

Sabato 23 settembre 2017

9.00  REGISTRAZIONE dei partecipanti

9.15  LA NUOVA LEGGE SULLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE MEDICA. QUALE IMPATTO SUL LAVORO IN CORSIA, SUL MONDO ASSICURATIVO E SUI PROCEDIMENTI GIUDIZIARI?
Moderatori:  Fabio Ragazzo - Francesco Pennacchio
- Introduzione dell'articolo 590 quinquies del codice penale. Quali linee guida? Cosa cambia con la nuova legge per le aziende sanitarie? relatore Gabriele Gallone - discussant Angelica Parodi
- Dalla Responsabilità contrattuale a quella extracontrattuale. Cosa cambia? relatore Patrizio Gattari
- Nuovi obblighi di assicurazione e nuovi termini di copertura. Articoli 138 e 139 del codice delle assicurazioni, guida al tariffario dei risarcimenti relatore Emanuele Guanziroli - discussant Claudia Pozzi

10.15  Discussione e confronto con i partecipanti

10.40  LAVORO E FAMIGLIA
Moderatori: Eleonora Albanese - Anita Parmeggiani
- Maternità: quali diritti per specializzande e precarie? relatore Rosella Zerbi - discussant Nunzia Verde
- Gli asili nido aziendali, un vantaggio per il dipendente e per l'azienda. relatore Oriano Mercante -  discussant Elisabetta Vitali
- Accesso al part-time: fantasia o realtà? relatore Marlene Giugliano - discussant Michela Piludu
- La formazione nelle politiche di genere relatore Sandra Morano - discussant Paola Gnerre

11.40  Discussione e confronto con i partecipanti

12.00  UN NUOVO RUOLO PER IL MEDICO?
 Moderatori: Luciano Gabbani - Sandro Macchia
 - Una nuova organizzazione del lavoro per migliorare qualità ed efficienza: l'hospitalist? relatore Chiara Rivetti
 - Standard formativi del medico in formazione specialistica: la rete degli ospedali? relatore Alessandro Bonsignore
 - La staffetta generazionale: una soluzione per pensionandi e i giovani medici? relatore Giorgio Cavallero

13.00  Discussione e confronto con i partecipanti

13.00  CONCLUSIONI Segretario Nazionale Anaao Assomed

13.30 CHIUSURA della 3a Conferenza Nazionale Settore Anaao Giovani


Per informazioni scrivi a: anaaogiovani@anaao.it

18 settembre 2017

SPECIALIZZAZIONI: BENE I TEMPI DEL BANDO, MA I GIOVANI MEDICI CONFERMANO LA MANIFESTAZIONE DEL 28 SETTEMBRE - Comunicato stampa Settore Anaao Giovani e Fimmg Formazione

Anaao Giovani insieme a Fimmg Formazione chiede che il Ministero dia ascolto a tali richieste senza ulteriori procrastinazioni del bando di concorso, che venga confermata la data annunciata nel comunicato e vengano prese in considerazione le nostre richieste, fondamentali per garantire ai giovani medici un concorso quanto più meritocratico possibile. Chiediamo che il numero delle sedi concorsuali (450 sedi sparse su tutto il territorio italiano) venga ridotto drasticamente attraverso l’organizzazione di macrosedi, e che tutte le Regioni siano dotate non solo degli spazi necessari e di sistemi di controllo idonei, ma che il personale di vigilanza sia costituito sia da addetti che da forze dell’ordine al fine di evitare le irregolarità e disparità già denunciate precedentemente.

18 settembre 2017

Specializzazioni. Altro che modello francese! Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' a firma Anna Maria Fodale - Settore Anaao Giovani Toscana

In Francia il sistema di accesso alle scuole di specializzazione è davvero meritocratico! La selezione consiste nel partecipare ad un concorso nazionale alla fine del 6° anno universitario. Il candidato concorre per tutte le scuole e secondo la posizione ottenuta in classifica (graduatoria unica nazionale) sceglie, in base ai posti rimasti disponibili, l’ospedale e i reparti in cui svolgerà la scuola di specializzazione. Ecco dove esiste la meritocrazia! La scuola di medicina generale dura 2 anni e mezzo, tutte le altre tra i 4 e i 6 anni. I posti di medicina generale e delle specializzazioni messi a disposizione sono di norma pari al numero previsto di candidati, dando a tutti la possibilità di continuare il percorso formativo.

12 settembre 2017

Scuole specializzazione: lettera aperta al Presidente Gentiloni. Anaao Giovani e Fimmg Formazione

Signor Presidente, chiediamo la sua disponibilità a promuovere e fissare un incontro con i nostri rappresentanti per prendere atto delle nostre esigenze e proposte finalizzate alla modifica della normativa di accesso alle scuole di specializzazione, al solo scopo di porre la sanità pubblica italiana a livello degli altri paesi europei ed evitare la fuga all’estero dei nostri Colleghi, come è avvenuto nel passato e tuttora avviene con crescente frequenza.

11 settembre 2017

Specializzazioni. Serve riforma strutturale. Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' a firma P. Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani e A. di Martino, Anaao Giovani Campania

Miur e Ministero della Salute continuano ancora a considerare l’Università come la sola casa dell’insegnamento del sapere medico specialistico, laddove in tutti gli altri paesi Ue, e non solo, la formazione specialistica medica è affidata prevalentemente alle strutture ospedaliere. Vittima di questo scadente sistema di formazione è, in prospettiva, l’intero sistema sanitario nazionale. Occorre aumentare i controlli col potenziamento degli Osservatori delle Scuole di specializzazione nell’attesa di una riforma strutturale che porti alla contrattualizzazione del rapporto di lavoro del medico in formazione che ne anticipi l’ingresso nel mondo del lavoro anche ai fini previdenziali e delle tutele.

08 settembre 2017

Formazione medica: un disastro annunciato. Comunicato stampa AG

Le scelte del Miur continuano a far discutere fino ad arrivare alla richiesta di dimissioni del Ministro, "rea" di aver emanato il regolamento per l'ammissione alle scuole di specializzazione pubblicato in GU che per AG: viola la meritocrazia e non permette alcun scorrimento della graduatoria, scelta questa che non farà altro che determinare una ulteriore perdita di contratti, che non saranno più recuperati. Per AG un disastro di questa portata esige le dimissioni immediate del Ministro Fedeli.

leggi il comunicato stampa
Il comunicato è stato ripreso da:
ADNKRONOS SALUTE
QUOTIDIANO SANITÀ
SANITÀ24
PANORAMA DELLA SANITÀ
DOCTOR33
SICILIAINFORMAZIONI.COM

04 settembre 2017

CONDIVIDI IL VIDEO ANAAO GIOVANI-FIMMG FORMAZIONE
....15 mila giovani in attesa della loro opportunità: con il futuro NON SI SCHERZA!
Roma 28 settembre 2017 #iocistoetu?

Bando subito. Accreditamento subito. Aumento del numero delle borse subito.

27 agosto 2017

MANIFESTAZIONE per ritardo bando scuole di specializzazione: i motivi della protesta nel video di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

24 agosto 2017

Veneto. Test Fermi, mille medici restano in panchina. L'Anaao Giovani su CORRIERE DEL VENETO – Padova

L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile nazionale Anaao Giovani e di Andrea Rossi, Vice Segretario Anaao Assomed Veneto e Responsabile AG Veneto.

23 agosto 2017

RITARDO BANDO scuole specializzazione e corsi mg:
A SETTEMBRE MANIFESTAZIONE NAZIONALE - Comunicato stampa Anaao Giovani e Fimmg Formazione

Gli ultimi aggiornamenti che pervengono dal MIUR lasciano presagire ulteriori ritardi per l’emanazione del bando di concorso per l’accesso alle specializzazioni mediche andando a causare gravi ripercussioni anche sul corso di formazione in Medicina Generale. Ritardi del bando, e quindi dell’esame e quindi dell’inizio dei corsi. Ritardi anche negli scorrimenti delle graduatorie, con il pericolo di perdere le già esigue borse stanziate per i corsi. Stante così le cose, e vista l’attenzione che Governo e Ministri competenti mostrano nei confronti dei giovani medici, Anaao Giovani e Fimmg Formazione promuovono una manifestazione nazionale per il prossimo mese di Settembre.

Leggi il comunicato, la rassegna stampa, la lettera inviata alle istituzioni e il video con i motivi della protesta

07 agosto 2017

FORMAZIONE SPECIALISTICA. Appello AG a Miur e salute: correggere il bando di concorso da emanare entro agosto e incrementare il numero dei contratti.

AG propone un modello alla francese, con graduatoria unica nazionale, senza preferenze e senza deterrenti con un congruo incremento del numero dei contratti da associare ad un “doppio binario formativo” con formazione in ospedali di insegnamento (Teaching hospital, Th) per “imparare facendo”, con contratto di formazione-lavoro a tempo determinato, da svolgersi presso strutture del Ssn, con insegnamento della parte teorica a carico delle Università. Alla fine del piano di studi, possibilità di accesso ai ruoli del Ssn con contratto a tempo indeterminato, superando un concorso pubblico.

01 agosto 2017

Concorsi mmg e specializzazioni. Il rischio di un “imbuto” formativo. - QUOTIDIANO SANITA'

Il Decreto Ministeriale del 7 giugno 2017 (GU n.135 del 13 giugno 2017) ha ufficialmente riaperto i termini relativi al concorso per l’ammissione ai corsi di formazione specifica in medicina generale per il triennio 2017/2020 (GU n. 57 del 28 luglio 2017), per permettere la partecipazione al concorso ai medici non ancora abilitati ed iscritti all’albo..... Lettera di Pierino Di Silverio e Annamaria Fodale (Direttivo Nazionale Anaao Giovani)

28 luglio 2017

SPECIALIZZAZIONI IN MEDICINA. Lorenzin firma il decreto: 6.105 posti per il biennio 2016/2017 - Montemurro su QUOTIDIANO SANITA'

Montemurro: "Se la proposta di Lorenzin fosse confermata, i posti complessivi non supereranno, quindi, i 6.700” Un numero in linea con i posti a bando lo scorso anno (6.725 contratti, di cui 6.000 finanziati dallo Stato), ma comunque ben al di sotto dei 7/8 mila posti calcolati secondo il fabbisogno, da Fnomceo e sindacati di categoria"

27 luglio 2017

SPECIALIZZAZIONI MEDICHE, Lorenzin firma il decreto interministeriale: in arrivo 6.105 contratti. Anaao Giovani: «Scelta sconsiderata» - Intervista a Montemurro su SANITA'24

"Se i numeri sono questi - sottolinea Montemurro - ancora una volta i ministeri competenti e il Mef non hanno accolto le richieste dei sindacati di categoria e della Fnomceo in quanto più volte è stata evidenziata la necessità, dopo calcoli sui fabbisogni, di almeno 7-8mila contratti di specializzazione".

19 luglio 2017

AG&Ordine dei medici. La sfida per il futuro, di Carla Fundoni, Direttivo Nazionale Anaao Giovani - DIRIGENZA MEDICA N. 4/2017

Nel panorama ordinistico nazionale, come nel sindacato, poche sono le presenze dei giovani, poche le donne, anche con incarichi di direttivo. Queste Istituzioni devono correggere la loro rotta, dare risposte alle problematiche che attanagliano la nostra professione, velocizzando e interpretandone tempi e risposte; porsi come organo “politico della professione” capace di interfacciarsi con tutte le istituzioni, con tutte quelle realtà che intendano decidere della nostra professione.

09 luglio 2017

Specializzazioni: che formazione vogliamo? Compila la survey Anaao Giovani

COMPILA LA SURVEY
I quesiti i riguarderanno ogni tappa del percorso di formazione post-laurea, con domande specifiche per ogni profilo. La prima parte è dedicata all’attuale sistema di svolgimento dell’esame di ammissione alle scuole di specializzazione. La seconda parte è centrata sugli anni della specializzazione. I risultati saranno presentati nel convegno nazionale di Bologna il 22 e 23 settembre.

11 luglio 2017

Contratto, il menu Anaao. La chimera della stabilizzazione: cinque priorità per il dossier giovani - IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 25/2017 - A cura di D. Montemurro e M. Cappiello

Contratto a tempo indeterminato; anzianità professionale; carriere; tutela della gravidanze ed estensione del part time per creare le condizioni di welfare familiare; orario di lavoro per rivedere l'organizzazione delle reperibilità e dei turni di guardia.

23 giugno 2017

III CONFERENZA ANAAO GIOVANI - Il video di presentazione

Guarda il promo a cura di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

20 giugno 2017

I selfie in corsia? La moda iniziò nel 1895, di Bruno Nicora - DIRIGENZA MEDICA N. 3/2017

Il paziente quando entra in ospedale perde due cose il controllo del proprio corpo e la propria privacy, contemporaneamente l’evoluzione tecnologica cambia il nostro modo di vivere quotidiano in maniera impercettibile progressiva e radicale.

16 giugno 2017

La sanità campana e le ragioni della crisi - Lettera di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Settore Anaao Giovani) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Se la sostenibilità del SSN non vede in prospettiva certezze di “lunga vita”, strumentalizzazione mediatica e clima di sfiducia non aiutano tutti quegli operatori della sanità che ogni giorno continuano a credere nella loro missione di cura ed a garantire, in condizioni sempre più difficili, la esigibilità di un diritto costituzionale che è, o dovrebbe essere, unico ed eguale per tutti i cittadini del Paese.

16 giugno 2017

Specializzandi, nuove scuole e nuovo concorso in arrivo. SANITÀ24 - Il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani)

Il nostro giudizio sul decreto è, in generale, positivo: ben venga l’aver definito quali devono essere le strutture accreditate per la formazione specialistica e, indirettamente, l’aver individuato la rete attraverso indicatori performanti. Ma il “neo” del provvedimento sta nell’aver raggiunto una sorta di compromesso sulla qualità della formazione: ad esempio, per l’alta specialità chirurgica, il decreto abbassa il numero di interventi richiesti».

01 agosto 2017

TI STAI SPECIALIZZANDO?
ISCRIVITI ALL'ANAAO E AVRAI LA POLIZZA COLPA GRAVE A 139€ L'ANNO.......E MOLTI ALTRI SERVIZI!




 L'iscrizione all'Anaao costa solo 54€ l'anno! Cosa aspetti?
      CLICCA QUI E SCARICA IL MODULO

 SCARICA IL MATERIALE DIVULGATIVO IN FORMATO PDF

 per maggiori info contatta i nostri uffici 026694767
      o scrivi a
segr.naz.milano@anaao.it

----------------------------------------------------------------------------------------------------
L’approvazione della legge sulla sicurezza delle cure e sulla responsabilità professionale in sanità, L.24/2017 in vigore dal 1 aprile, prende atto delle peculiari difficoltà, e delle finalità sociali, dell’atto medico.

Malgrado i passi avanti compiuti, e le modifiche al codice penale e civile, oltre che al meccanismo della responsabilità amministrativo-contabile, l'Anaao Assomed continua a ritenere che il miglior contributo alla sicurezza dei medici e dei dirigenti sanitari in formazione specialistica sia costituito da una ottima polizza di rivalsa colpa grave, insieme con una ottima difesa da affidare a validi professionisti. Una polizza contro la rivalsa, obbligatoria ai sensi della L. 24/2017 anche per i MEDICI E DIRIGENTI SANITARI IN FORMAZIONE SPECIALISTICA, rappresenta una irrinunciabile protezione contro i rischi, ineliminabili, del nostro mestiere.
E un buon avvocato assume su di sé la responsabilità di condurre il medico nei complessi meandri della giurisprudenza, coordinando periti, valutando forze  debolezze della causa, dando utili consigli. Tutto questo, anche in una situazione stressante quale una denuncia, infonde SICUREZZA, e consente di evitare esborsi anche rilevanti.
L’Anaao, da tempo, prevede per i propri associati una polizza tutela legale GRATUITA, con massimale a 25.000 euro.

Oggi offre ai
MEDICI E DIRIGENTI SANITARI IN FORMAZIONE SPECIALISTICA iscritti, una POLIZZA RIVALSA COLPA GRAVE AL PREZZO PIÙ BASSO DEL MERCATO, CIOÈ 139 EURO/ANNO! Oltre ai tradizionali servizi di consulenza ed alla partecipazione gratuita ad eventi formativi ECM, anche  distanza.
Alziamo ancora le nostre difese a tutela dei nostri iscritti.

























































31 maggio 2017

Medici con la valigia per i concorsi bloccati. Quaranta giovani che dal Veneto hanno chiesto il via libera per l’espatrio -  LA NUOVA VENEZIA - L’articolo riporta il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Naz. Anaao Giovani.

22 maggio 2017

Specializzazione. Le condizioni dell’Anaao Giovani. Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' a firma Alessandro Conte Direttivo Nazionale Settore Anaao Giovani e Matteo D’Arienzo Responsabile Emilia Romagna Settore Anaao Giovani

15 maggio 2017

CONCORSO DI SPECIALIZZAZIONE: Cambiamento imminente o l’inizio di un’odissea? #stupiteci! #SSM2017 #anaaogiovani - Comunicato stampa

Il bando del concorso di ammissione alle specializzazioni è stato rinviato. Una buona notizia a metà per i giovani medici dell'Anaao che in un comunicato stampa accolgono positivamente l'apertura del Miur, ma ritengono non del tutto sventato il rischio di saltare l'attuale anno accademico. Per Anaao giovani è indispensabile la convocazione di un tavolo tecnico con i rappresentanti delle istituzioni, per affrontare insieme le diverse criticità, presenti ormai da troppo tempo, promuovere le necessarie innovazioni, rendere più meritocratico ed efficace il percorso di formazione medica senza lasciare indietro migliaia di giovani.

leggi il comunicato stampa

leggi la rassegna stampa:
AGENPARL
QUOTIDIANO SANITÀ
SANITÀ24
leggi gli articoli
IL SOLE 24 ORE SANITÀ  - leggi l'articolo

27 aprile 2017

La denuncia di Anaao Giovani: inaccettabili lentezze per il bando di accesso alla specializzazione - Comunicato stampa del 27 aprile 2017

Anaao Giovani denuncia l’ennesimo ritardo nell’emanazione del bando valido per l’accesso alle scuole di specializzazione di area medica. Ignoriamo i reali motivi di questa cronica e intollerabile lentezza ministeriale, ma ormai ci siamo talmente abituati che abbiamo finito le parole di sdegno. Se il bando non dovesse uscire entro la fine di aprile, Anaao Giovani non starà a guardare ma si farà promotore di azioni di protesta a ogni apparizione pubblica del Ministro dell’Istruzione, per ricordarle che i giovani medici non possono aspettare, tutti gli anni, i tempi biblici del MIUR.

leggi il comunicato

Il comunicato è stato ripreso da:
ADNKRONOS SALUTE
AGENPARL
IMGPRESS
QUOTIDIANO SANITÀ
PANORAMA DELLA SANITÀ
DOCTOR33
leggi la rassegna

19 aprile 2017

I numeri del Settore Anaao Giovani - La relazione di Domenico Montemurro (Resp. Naz. AG), tenuta all'Assemblea dei Segretari Aziendali di Montesilvano il 7 aprile 2017

14 aprile 2017

Pronto soccorso, fino a 60 ore per un ricovero. A denunciarlo è uno studio di Anaao Assomed - STUDIOCATALDI.IT

05 aprile 2017

FORMAZIONE giovani medici - Intervista a Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani - RADIO CUSANO CAMPUS

Un approfondimento sul contenuto della lettera aperta inviata a Governo, Regioni e Istituzioni per un sistema formativo moderno ed europeo. Di Silverio: "Poniamo degli interrogativi al legislatore, inerenti la formazione specialistica in Italia e la condizione lavorativa dei medici in formazione. Abbiamo fatto una sorta di excursus tra i diritti e i doveri, e la qualità formativa stessa".

04 aprile 2017

LETTERA APERTA a Governo, Regioni e Istituzioni per un sistema formativo moderno ed europeo. Il comunicato, la rassegna stampa e la lettera integrale

Un tavolo tecnico, meglio se permanente, sulle criticità della formazione medica post-lauream, per garantire una visione completa del panorama formativo, un reale controllo della qualità formativa con l’introduzione di reali sanzioni. E’ questa la richiesta del gruppo Anaao Giovani Formazione ai Ministri della salute e del Miur, al Coordinatore della Commissione Salute delle Regioni, al Presidente Fnomceo e a quello dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica. 

leggi la lettera firmata dal gruppo di lavoro ANAAO GIOVANI FORMAZIONE (Alessandro Conte, Matteo D’Arienzo, Pierino Di Silverio, Annamaria Fodale)
il comunicato stampa

La rassegna stampa
ANSA
ADNKRONOS SALUTE
AGENPARL
INSALUTENEWS
RESPONSABILE CIVILE
ILFARMACISTA ONLINE
QUOTIDIANO SANITÀ
PANORAMA DELLA SANITÀ
SANITA’24
DOCTOR33
leggi gli articoli

RADIO CUSANO CAMPUS - Intervista a Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale Settore Anaao Giovani

HEALTHDESK
INTELLIGONEWS
leggi gli articoli

27 marzo 2017

Essere madre e medico nel Ssn: si può fare. Bruno Nicora (Anaao Giovani Lombardia-Dirigente medico Asst Provincia di Pavia) su DIRIGENZA MEDICA N. 1/2017

Riguardo alle mancate assunzioni dei medici non esistono capri espiatori come le“mamme medico” e il personale sanitario va ulteriormente implementato a beneficio di una sanità pubblica efficiente

25 marzo 2017

Anaao, in Ps fino a 4 ore per un codice verde. L'accusa: disagi per tagli ai posti letto - Chiara Rivetti su DOCTOR33

«Il sovraffollamento del Pronto soccorso induce un carico di lavoro eccessivo del personale medico e non. Chiediamo che venganoassunti più medici di pronto soccorso e che si decida di derogare al limite imposto per legge una maggiorazione dei posti letto adeguandoli allamedia europea». 

23 marzo 2017

Fino a 60 ore d'attesa nei pronto soccorso. L'indagine Anaao Giovani su LA STAMPA

La denuncia del sindacato: non è colpa degli accessi impropri, ma del taglio dei letti e dell'organizzazione.
Il commento del Segretario Nazionale, Costantino Troise, e l'indagine condotta da D. Montemurro e C. Rivetti
L'indagine è stata ripresa da altre testate, radio e tv. All'interno la rassegna delle citazioni.

leggi l'indagine integrale

la rassegna delle citazioni
RADIO 1-ITALIA SOTTO INCHIESTA, DI EMANUELA FALCETTI – ascolta l’audio (dal minuto 2:39 a 8:24)
RADIO KISS KISS Intervista al Segretario Nazionale - ascolta l'audio
ILGIORNALE.IT
TGCOM24 
(Servizio andato in onda nell'edizione del 23 marzo ore 9.00. Il video non è disponibile)
FANPAGE.IT
FOREX.IT
TIRRENO NEWS
QUOTIDIANO SANITÀ

leggi gli articoli

DOCTOR33 - Intervista a Chiara Rivetti (Anaao Piemonte)
TISCALI.IT - Intervista a Chiara Rivetti (Anaao Piemonte)

leggi l'articolo di Paolo Russo

24 marzo 2017

"Anche 60 ore in pronto soccorso prima del ricovero". Ecco perché accade. Intervista a Chiara Rivetti (Anaao Piemonte) su TISCALI.IT

L’allarme è stato lanciato a Tiscali.it da Chiara Rivetti di Anaao, il più rappresentativo sindacato dei medici ospedalieri che ha fatto una accurata indagine sullo stato di salute delle strutture di primo intervento italiane.

20 marzo 2017

Anaao: “La ‘Mozione Renzi’ sul personale della sanità va nella direzione giusta” - QUOTIDIANO SANITA' e SANITA'24

Chi, come noi, studia da almeno dieci anni la programmazione del fabbisogno di medici specialisti nel SSN, accoglie con soddisfazione il suo emergere a problema nazionale meritevole di un intervento politico. Ci permettiamo, però, di avanzare alcune precisazioni e di delineare proposte concrete per incominciare a indicare gli elementi fondamentali per avviare una soluzione. Di C. Palermo, D. Montemurro, F. Ragazzo.

17 marzo 2017

Convegno - Giovani e previdenza: opportunità e scenari per il futuro della professione medica e odontoiatrica - Chieti

Il Convegno la cui partecipazione è libera, è rivolto in particolare a studenti di Medicina e Odontoiatria, nonchè neolaureati e specializzandi, si terrà il 24/3 alle ore 9,00 presso Università degli Studi "G. D'Annunzio", Aula Magna di Lettere, Chieti.

Interverranno ai lavori Alessandro Conte, componente del Direttivo Nazionale Anaao Giovani e Matteo D'Arienzo, Responsabile Anaao Giovani Emilia Romagna.
leggi il programma

17 marzo 2017

Mobilità, comando, diritto alla genitorialità: il Dirigente Medico iscritto all'Anaao nel 2017 - Seminario di studio - Modena

Il seminario organizzato dall'Anaao Assomed di Modena, è l'occasione per fare il punto su alcuni importanti istituti contrattuali e si terrà oggi 17/3 alle ore 14,00 presso l'Ospedale di Baggiovara, Sala P. Vecchiati, Modena.

Parteciperanno ai lavori i quadri sindacali provinciali dell'Associazione, alcuni componenti del Settore Anaao Giovani ed i Consulenti legali del Coordinamento Nazionale Servizi Anaao Assomed, come da programma.

Scarica il programma


 

10 marzo 2017

Concorsi precari in sanità. Anaao: “Ancora nulla in moltissime aziende sanitarie e ospedaliere” - QUOTIDIANO SANITA' - M.Zippi (Resp. AG Lazio), D.Giannandrea (Resp. AG Umbria), E.Reggio (AG Sicilia), M.Cappiello (Cons. Naz. AG)

Dopo la prima ricognizione effettuata a novembre scorso il sindacato aggiorna la mappa dei concorsi messi in atto nelle diverse realtà. Ma il quadro resta desolante: “Appare evidente che le indicazioni imposte dalla legge di stabilità 2016, di una riserva di posti a favore della stabilizzazione dei precari nei concorsi per la dirigenza medica e sanitaria, sono state disattese dalla maggioranza delle Regioni che pure stanno sbloccando, almeno parzialmente, il turnover”.

10 marzo 2017

Sproporzionati i blister dei farmaci - Chiara Rivetti (Segreteria Piemonte) commenta l'indagine AG sugli sprechi in sanità - IL SALVAGENTE

Tra le cause dello spreco dei farmaci vi è sicuramente il vizio degli italiani a comprarne più del dovuto. Anche l’industria farmaceutica però ha le sue colpe. 

Chiara Rivetti, dottoressa dell’Anaao, spiega al Salvagente: “I farmaci, soprattutto i chemioterapici, sono distribuiti in fiale che conservano una quantità standard di principio attivo superiore a quella necessaria. Ad esempio per pazienti normopeso una buona parte della fiala non viene utilizzata, va sprecata. Si calcola che quasi il 10% di questi farmaci finisce direttamente nel cestino”. 

leggi l'articolo

02 marzo 2017

Errori in corsia, la legge della svolta. I medici: “Più tutele per camici e pazienti” - Intervista a Michela Piludu, Responsabile Anaao Giovani Sardegna - YOUTG.NET

«La Legge è un passo fondamentale per ricostruire il rapporto di fiducia tra medico e paziente».

27 febbraio 2017

Troppi professionisti oltre i 40 e 50 anni che attendono il contratto. Precari: un tappo per i nuovi medici - La posizione dell'Anaao Giovani su IL MATTINO-Edizione Benevento

La questione molto sentita a livello locale, rispecchia del resto l'andamento generale del paese.

25 febbraio 2017

Troppi medici precari in Italia e specie in Campania - Lettera di Piero Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani al Direttore di QUOTIDIANO SANITÀ

In 10 anni, nel nostro Paese, il numero dei camici bianchi con contratti di lavoro a termine è più che raddoppiato: da 3.527 a 7.177. Praticamente una crescita del 100%. Una percentuale, tra l’altro, che per quanto riguarda le donne medico va moltiplicata per tre.

17 febbraio 2017

INSEGUIRE L'ERRORE IN CORSIA TRAMITE CASI REALI - Corso Fondazione Pietro Paci e Settore Anaao Giovani - 4 crediti ECM - Firenze, 17 febbraio

Il corso organizzato dal Settore Giovani e dalla Fondazione Pietro Paci, è un evento ECM con 4 crediti, ed ha l'obiettivo di fornire ai giovani medici, strumenti utili per la gestione del rischio clinico. Durante il corso verranno presentate tecniche e strategie di rilevazione, valutazione e monitoraggio del rischio clinico, con approfondimenti sul risk management attraverso la descrizione di termini quali la condizione latente, near miss ed evento avverso. 

09 febbraio 2017

APPELLO urgente per salvare il medico condannato a morte in Iran - Il Dottor Djalali, ricercatore dell'Università di Novara, è accusato di spionaggio e rischia la pena di morte - FIRMA LA PETIZIONE!

07 febbraio 2017

Università e monopolio del sistema formativo: una scelta perdente - QUOTIDIANO SANITA' - Matteo D’Arienzo Coordinatore AG Emilia Romagna - Alessandro Conte Direttivo Nazionale AG - Pierino Di Silverio Direttivo Nazionale AG

Occorre rivedere profondamente il senso della formazione medica, al di là dei tecnicismi, speriamo semplicemente che i nostri ‘suggerimenti’, che si trasformeranno in proposte di cambiamento attivo, suscitino l’interesse delle istituzioni, perché solo con il coinvolgimento attivo di chi lavora ogni giorno, di chi ogni giorno vive la strana questione della formazione in Italia, potremo trovare una soluzione reale a problemi tanto annosi quanto gravi che minano oggi, il medico di domani.

03 febbraio 2017

ANAAO GIOVANI ricorda Luigi Conte - Il Coordinamento Nazionale Anaao Giovani

Ad Alessandro, membro del Direttivo Nazionale Anaao Giovani, tutti noi ci stringiamo nel dolore e nel ricordo di suo padre.

ANAAO Giovani esprime il proprio cordoglio per la prematura scomparsa del Dott. Luigi Conte, Segretario in carica della FNOMCEO, venuto improvvisamente a mancare giovedì 2 febbraio 2017.
Il Dr. Conte, 69 anni, originario di Barano d’Ischia (NA), si era specializzato in chirurgia d’urgenza e pronto soccorso nel 1981. Alla sua brillante carriera da chirurgo, culminata con la direzione della SOS Dipartimentale di Day Surgery dell'Azienda Santa Maria della Misericordia di Udine, ha sempre affiancato altri importanti ruoli rivestiti nel corso degli anni. Ricordiamo, tra le tante cariche ricoperte, la Presidenza dell’OMCEO di Udine dal 2009 al 2011 e la Presidenza della Società italiana di chirurgia ambulatoriale e day surgery (SICADS) dal 2014 al 2016.
A suo figlio Alessandro, membro del Direttivo Nazionale Anaao Giovani, tutti noi ci stringiamo nel dolore e nel ricordo di suo padre.
Il Coordinamento Nazionale Anaao Giovani

31 gennaio 2017

Pronto soccorso intasati e sanità sempre più in crisi di A. Spedicato (Vice Resp. Naz. Settore Anaao Giovani) e C. Rivetti (Segreteria Anaao Piemonte) - QUOTIDIANO SANITA'

Crediamo che la soluzione sia tornare ad investire nella Sanità Pubblica, lavorare sulla prevenzione e credere nelle risorse umane (stop al blocco del turn over e stop al precariato). Altrimenti continueremo a vivere di emergenze, perché incapaci di pianificare e programmare

26 gennaio 2017

La denuncia: "Turni massacranti per gli specializzandi: i pazienti rischiano" - MESSAGGERO VENETO - Udine

L'articolo contiene il commento di Laura Stabile, Segretario regionale Anaao Assomed Friuli Venezia Giulia e cita la raccolta dati dell'Anaao Giovani sul mancato rispetto della normativa europea sull'orario di lavoro.

17 gennaio 2017

TEMPO DI CAMBIO rebus per i medici. Intervento di Mirko Schipilliti Settore Anaao Giovani Veneto - IL SOLE 24 ORE SANITÀ N 1/2017

leggi l'articolo in pdf

La recente entrata in vigore dell’ormai famosa legge 161/2014 sull’orario di lavoro - con l’obbligo inderogabile di riposi e tetto massimo orario - ha permesso di mettere ordine anche su questioni lasciate spesso al caso o a supposizioni erroneamente tramandate.

Una situazione tipica con cui tutti noi abbiamo a che fare quotidianamente, ogni volta che entriamo in servizio, è quella inerente il misterioso “tempo di cambio”, ovvero il tempo che impieghiamo a svestirci per indossare il camice, o più spesso una tuta (casacca, pantaloni, cuffia, zoccoli), andando a sostituire il collega che smonta dal turno. Mi presento al momento dell’inizio del servizio già cambiato? Qualcuno “pretende” il cambio prima e qualcuno lo fa per “gentilezza” verso il collega, qualcuno dopo l’inizio del servizio, qualcuno si secca perché il collega arriva dopo l’inizio del servizio imputandogli un “ritardo”. Confusione.

Chiariamo subito che l’obbligo della divisa non è discrezionale, ma si impone nel duplice interesse del lavoratore e del datore di lavoro, secondo la normativa nazionale sulla sicurezza in ambienti di lavoro, che definisce come dispositivo di protezione individuale (Dpi) «qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo» (articolo 40 del decreto legislativo 626/1994, si veda anche Cassazione, sezione Lavoro, sentenza 5 marzo 2014, n. 5176).

Nel nostro caso tali procedure riguardano anche la sicurezza dei pazienti, e sono spesso definite da specifici protocolli aziendali, rientrando inoltre nell’obbligo di riconoscibilità del personale sanitario da parte degli utenti anche per agevolarne i rapporti coi dipendenti pubblici (vedi inoltre l’obbligo di identificazione del personale a contatto con il pubblico: Codice disciplinare, articolo 12; circolare n. 3/2010 del dipartimento della Funzione pubblica sull’uso di cartellini identificativi in relazione all’identificazione del personale a contatto con il pubblico).

Dai limiti perentori sull’orario di lavoro, dal principio - anche se piuttosto vago - della “flessibilità oraria” dei dirigenti medici, e dalla giurisprudenza consolidata, non ci sono dubbi sul comportamento corretto da tenere.

Negli ultimi anni vi sono stati infatti numerosi contenziosi, giunti fino a giudizio in Cassazione, relativi alle richieste di retribuzione da parte di disparate categorie lavorative, inerenti al tempo impiegato per vestirsi e svestirsi che si veniva ad aggiungere all’orario di servizio, a causa dell’obbligo di divisa legato alle proprie mansioni.

Già il regio decreto 15 marzo 1923 n. 692, articolo 6, sancisce che «rientrano nell’ambito del lavoro effettivo i lavori preparatori e complementari che debbano eseguirsi al di fuori dell’orario normale delle aziende», mentre - più recentemente - ai sensi dell’articolo 2, punto 1, della direttiva 23/11/1993 n. 93/104 del Consiglio dell’Unione europea, rientra nell’orario di lavoro «qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni», ribadito del resto dalla Cassazione con la sentenza 15734/2003.

In sintesi, con la sentenza 19358/2010, la Corte di cassazione ha ulteriormente stabilito che «l’orientamento secondo cui, per valutare se un certo periodo di servizio rientri o meno nella nozione di lavoro, occorre stabilire se il lavoratore sia o meno obbligato a essere fisicamente presente sul luogo di lavoro e a essere a disposizione di quest’ultimo per poter fornire immediatamente la propria opera, consente di distinguere nel rapporto di lavoro una fase finale che soddisfa direttamente l’interesse del datore di lavoro, ed una fase preparatoria, relativa a prestazioni o attività accessorie e strumentali, da eseguire nell’ambito della disciplina d’impresa (articolo 2104, comma 2, del codice civile) e autonomamente esigibili dal datore di lavoro, il quale ad esempio può rifiutare la prestazione finale in difetto di quella preparatoria. Di conseguenza al tempo impiegato dal lavoratore per indossare gli abiti da lavoro (tempo estraneo a quello destinato alla prestazione lavorativa finale) deve corrispondere una retribuzione aggiuntiva».

Successivamente, la sentenza della Cassazione n. 2837 del 7 febbraio 2014 ha inoltre precisato che «il tempo impiegato per indossare la divisa sia da considerarsi lavoro effettivo, e debba essere pertanto retribuito, ove tale operazione sia diretta dal datore di lavoro, il quale ne disciplina il tempo e il luogo di esecuzione, ovvero si tratti di operazioni di carattere strettamente necessario e obbligatorio per lo svolgimento dell’attività lavorativa», mentre la sentenza n. 3977 del 19 febbraio 2014 della Cassazione, sezione Lavoro, dispone che «al tempo impiegato dal lavoratore per indossare gli abiti da lavoro (tempo estraneo a quello destinato alla prestazione lavorativa finale) deve corrispondere una retribuzione aggiuntiva».

La Cassazione aveva, del resto, già affermato con sentenza n. 3763 del 14 aprile 1998, che il tempo di cambio rientrava nell’orario di lavoro «ove tale operazione sia eterodiretta dal datore di lavoro, che ne disciplina il tempo e il luogo di esecuzione».

Ciò detto, risulta che il tempo di cambio è orario di lavoro effettivo, poiché siamo obbligati a lavorare con le divise messe a disposizione dall’Azienda sanitaria locale e a cambiarci nei locali preposti dalla stessa, ed è pertanto corretto e legittimo timbrare l’entrata in servizio esattamente in orario e cambiarsi solo successivamente, anche perchè rientrando il tempo di cambio nell’orario di lavoro non è possibile anticipare quest’ultimo, anticipo che può legittimamente non essere riconosciuto.

Ci si cambia quindi quando si è in servizio effettivo, poiché tale atto dovuto rientra nell’arco dell’attività lavorativa, né ci si può cambiare prima della fine poiché si è ancora a disposizione del datore di lavoro.

Pertanto, nel nostro caso, quando timbriamo la fine del servizio, il tempo eccedente, dalla fine effettiva del turno stabilito dall’ordine di servizio, risulterà dalla somma del tempo di cambio del collega che monta al nostro posto, del tempo per dargli le “consegne” e del nostro tempo di cambio a chiusura del turno, e dovrà peraltro rientrare nel tetto massimo consentito dalla legge n. 161.

Resta aperto il quesito se tutto questo tempo sia effettiva “flessibilità oraria” poiché questa durata (non poca, se provate a sommare tutti questi minuti nell’arco dell’anno) riguarda attività lavorative comandate, obbligatorie, permanenti e inderogabili, ben diverso dal superamento dell’orario di servizio per sopraggiunte emergenze o per chiusura di verbali o dimissioni che rientrano invece effettivamente in una “flessibilità” oraria del dirigente relativa al protrarsi del lavoro già in essere.

A titolo esemplificativo, per quanto riguarda il Comparto (che non ha flessibilità oraria), nel 2013 la Azienda sanitaria locale di Pescara ha dovuto riconoscere a 131 infermieri in circa 20 minuti da retribuire il tempo per vestizione, svestizione e tempo di consegne, mentre nel 2014 il tribunale di Pisa ha riconosciuto ai ricorrenti dell’Azienda universitaria ospedaliera Pisana un «tempo per cambio divisa» quantificato in 18 minuti (9 in entrata e 9 in uscita).

MIRKO SCHIPILLITI Settore Anaao giovani -Regione Veneto 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 gennaio 2017

LISTE D'ATTESA, per ridurle vanno assunti i giovani medici. La proposta fa discutere. Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) su DOCTORNEWS

«Ritengo che non sia questa la strada più giusta da seguire anche e soprattutto in considerazione del fatto che tra i medici cresce a dismisura la percentuale di donne e, questa soluzione, mal si concilierebbe con, ad esempio, le dinamiche famigliari delle colleghe.

13 gennaio 2017

Ospedale Nola. Caro De Luca tuteli il personale e non c’inondi di diktat demagogici - Lettera di Pierino Di Silverio, Direttivo Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

Lettera aperta al Governatore della Regione Campania Onorevole di Anaao Giovani. “In una regione in cui solo il 16.9% dei cittadini campani è soddisfatto dell’offerta sanitaria, in una regione in cui una famiglia su due decide di non curarsi, in una regione in cui più del 30% dei giovani medici fuggono, costretti dall’assenza di lavoro, il bisogno maggiore della popolazione e dei professionisti è quello di sentirsi tutelati”.

12 gennaio 2017

La sanità italiana è sempre più un terreno minato. Lettera di Domenico Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Un Paese che per storia e cultura ha accolto tutti e che adesso "caccia" i giovani all'estero, punisce chi ci lavora, demotiva per meglio controllare, precarizza il capitale umano, fa solo del male a se stesso!

11 gennaio 2017

Ospedale Nola, i medici contro De Luca: "Programmazione sbagliata, cercano capri espiatori" - Maurizio Cappiello, Consigliere Nazionale Anaao Giovani su Agenzia FUORITUTTO

“Il problema è sempre lo stesso: tagli ai posti letto, assistenza territoriale inesistente e surplus di ricoveri dopo le feste natalizie, come ovunque del resto. Ergo capacità recettiva insufficiente”

10 gennaio 2017

Giovane, donna e medico, tra mobbing e poca carriera - L'indagine Anaao su LA REPUBBLICA.IT

L’80% dei camici bianchi di sesso femminile afferma di essere stata svantaggiata rispetto ai colleghi uomini, per il 55,6% l’aver avuto figli ha influenzato il percorso professionale, il 38% ha ricevuto avances. Le difficoltà maggiori per le under 31. I risultati dell’indagine svolta dal Settore Anaao Giovani.

09 gennaio 2017

Giovani medici in corsia per tagliare le liste di attesa - Intervista a Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani su RADIO CUSANO CAMPUS

10 gennaio 2017

Progetto Piemonte: le perplessità di Anaao Giovani - Comunicato stampa

Anaao Giovani osserva con attenzione il progetto della Regione Piemonte, che prevederebbe l’utilizzo di giovani medici neospecialisti negli “ambulatori territoriali” del Ssn, per lo smaltimento progressivo delle liste di attesa. Emergono tuttavia alcune perplessità inerenti il ruolo che i suddetti medici dovrebbero rivestire, il loro inquadramento professionale, la conseguenza che tale inserimento avrebbe sulle dotazioni organiche ospedaliere e l’assenza contestuale di un piano di assunzioni.

leggi il comunicato stampa

il comunicato stampa è stato ripreso da:
ANSA
ADNKRONOS SALUTE
AGENPARL
INSALUTENEWS
LA VOCE

PANORAMA DELLA SANITA’
QUOTIDIANO SANITA’
SANITA’24
leggi la rassegna

31 dicembre 2016

Le Cooperative in medicina una risorsa o una speculazione? A cura di Pierino Di Silverio, Direttivo Naz. Anaao Giovani, Maddalena Zippi, Resp. AG Lazio, Maurizio Cappiello, Consigliere Naz. AG - DIRIGENZA MEDICA N. 10/2016

La cooperazione in medicina in tempi di precarizzazione del lavoro diventa un tema sempre più attuale, erogando servizi sanitari in “appalto” a favore di strutture per lo più private accreditate oppure sul territorio ove vi sono carenze o vuoti da colmare nell’assistenza sanitaria.

23 dicembre 2016

Percorso a ostacoli per le donne medico: il 60% subisce mobbing in corsia. Il servizio contiene un’intervista ad Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani - DIRE -TG SANITA’

Il quadro che emerge dall'indagine Anaao Assomed sulle donne in corsia.

21 dicembre 2016

Quei continui “Stop and go” sulla responsabilità professionale - Lettera di Michela Piludu, Responsabile Settore AG Sardegna al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Il rapporto medico-paziente si è profondamente modificato nel tempo: si è passati dall’era del “paternalismo” in cui la parola del medico era inconfutabile, “all’autonomia di cura” sia del medico che del paziente (1950-1980), “alla parsimonia burocratica” degli anni ’80 nei quali la parola d’ordine era risparmio, sino ai giorni nostri dove impera “l’obbedienza giurisprudenziale”. Il medico si reca a lavoro e, la prima domanda che si pone è “quali sono oggi le novità della Cassazione in materia di responsabilità professionale?”

21 dicembre 2016

Secondo il Rapporto Eurostat: poche donne tra i medici italiani. Anaao giovani: sistema welfare inadeguato - Intervista ad Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani su DOCTOR33

19 dicembre 2016

ORARIO DI LAVORO. Nuova diffida alle Università a tutela dei medici specializzandi - Leggi il comunicato e la diffida - Segnalaci le inadempienze della tua scuola

Le Università continuano a non applicare la legge europea sull’orario di lavoro ai medici in formazione. Per questa ragione ad un anno di distanza dalla prima diffida, l’Anaao Assomed ha replicato oggi l’invio a tutti gli atenei di un secondo avviso a seguito di una rilevazione condotta dal Settore Anaao Giovani dalla quale è emerso che presso alcune scuole di specializzazione, non sono ad oggi rispettati, per i medici in formazione specialistica, i limiti in materia di orario di lavoro. L'Elenco delle scuole inadempienti, il testo della diffida e la rassegna stampa

leggi il comunicato stampa
il testo della diffida
la rassegna stampa


In seguito alle numerose richieste ricevute nelle ultime ore, si è deciso di riattivare la scheda di segnalazione online per dar modo ai colleghi (in forma rigorosamente anonima), di denunciare quelle realtà, non incluse nella nostra recente comunicazione, che si ostinano a non rispettare la legge!

Segnalate! Non solo orari di lavoro, con rischio per salute e sicurezza di TUTTI, ma anche aspetti formativi e diritti negati.

COMPILA IL QUESTIONARIO:
https://it.surveymonkey.com/r/H7QPJF9

11 dicembre 2016

Veneto. Turni infiniti in corsia è allarme tra i medici. L’articolo contiene il commento di Andrea Rossi, Responsabile Anaao Giovani Veneto - IL MATTINO DI PADOVA

Medici ospedalieri costretti a turni infiniti e a straordinari non pagati per l'equivalente di un mese di lavoro; specializzandi abituati a saltare non solo i riposi settimanali, ma anche le ferie. E, sempre più diffusa, è la sindrome da burnout (uno stato di indifferenza verso la professione). Succede nelle corsie degli ospedali italiani e di quelli veneti, conseguenza del blocco dei turn over che ha ridotto il numero di camici bianchi. Una situazione destinata ad aggravarsi in futuro visto che, entro il 2023, in Veneto, sarà andato in pensione il 40-45% dell'organico. A lanciare l'allarme sono gli stessi medici, attraverso lettere aperte ai cittadini e attraverso le associazioni di categoria.

03 dicembre 2016

Anaao Giovani in campo con TELETHON, per la ricerca

- La video-intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani), a Matteo D'Arienzo (Responsabile reg. AG Emilia Romagna) e Alessandro Conte (Responsabile reg. AG Friuli Venezia Giulia)
- Il video dell'evento
- Le foto della corsa e del team Anaao Giovani
- Il comunicato e la rassegna stampa

Il 3 e 4 dicembre si è tenuta ad Udine la "Staffetta Telethon 24 per un'ora - 18° edizione", una consolidata iniziativa a sostegno della ricerca che negli ultimi anni ha registrato una crescente partecipazione. Il Settore Anaao Giovani, a testimonianza del suo impegno per tematiche sociali che vanno oltre il suo ruolo specifico, ma capaci di dare unità alla categoria tutta, ha partecipato con una sua squadra ed un suo mezzo d’appoggio allestito per lo scopo.

LA VIDEO-INTERVISTA A MONTEMURRO, D'ARIENZO e CONTE



IL VIDEO DELL'EVENTO



LE FOTO


 IL COMUNICATO STAMPA ANAAO GIOVANI
"Vogliamo condividere con i colleghi un impegno che vada oltre le sole tematiche sindacali. Anaao Giovani è prima di tutto un gruppo di affiatati colleghi che si stima ed è ben felice di cooperare per un obiettivo comune. La nostra presenza a questa lodevole iniziativa è un po' la sintesi di questa filosofia."





 LA RASSEGNA STAMPA

29 dicembre 2016

Studio Anaao Assomed su FABBISOGNO di personale medico nel Ssn dal 2016 al 2030

- La versione integrale dello studio
- Lo studio pubblicato su il quotidiano LA STAMPA
- Il commento di Montemurro, Responsabile Naz. Anaao Giovani su SANITA'24
- Lo studio ha avuto una importante eco. La rassegna a cura dell'Ufficio Stampa Anaao Assomed
 

 Versione integrale dello studio 
 A cura di: Carlo Palermo (Vice Segretario Naz. Vicario Anaao Assomed), Fabio Ragazzo (Direttivo Naz. Anaao Giovani), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani), Matteo D’Arienzo (Responsabile Reg. Anaao Giovani Emilia Romagna)


 

 

Lo studio pubblicato su LA STAMPA

 

 Il commento di Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani) su SANITA'24: "La questione generale della programmazione dei fabbisogni, va affrontata in    modo  strutturale e  sistemico"

 

 LA RASSEGNA STAMPA

25 novembre 2016

Indagine Anaao Giovani: “Nuovo orario non rispettato neanche per gli specializzandi”. Nel 60% dei casi si lavora ben oltre le 48 ore - QUOTIDIANO SANITA'

L'indagine curata dal direttivo nazionale Anaao Assomed-Settore Giovani mette in evidenza tutte le inadempienze dell'Università ad adeguare le scuole di specialità alle regole europee sull'orario di lavoro. Leggi il report e guarda il video

22 novembre 2016

Il caso Osservatorio Regionale FVG: no a tentativo dell’università di interpretare le regole a propria discrezione - A cura del Direttivo Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

La storia della formazione post-lauream per i medici in Italia è stata, e purtroppo è tutt’ora, un percorso denso di ostacoli, di mancate applicazioni di quanto prescritto dalla legge, non ultimi gli orari di lavoro, maldestre gestioni di idee positive ed innovative, leggasi esame nazionale, e ritardi, spesso inspiegabili ed ostinati. Non fa, purtroppo, eccezione il capitolo dell’Osservatorio per la formazione medica specialistica.

21 novembre 2016

Anaao Giovani fa la mappa delle stabilizzazioni dei precari. Molti protocolli ma ancora pochi bandi e le 7mila stabilizzazioni previste saranno comunque insufficienti - QUOTIDIANO SANITA'

La situazione è molto variegata con dati per lo più parziali. Rilevata molta reticenza a fornire dati aggiornati, senza contare che al momento non è stato possibile calcolare con esattezza il totale dei precari atipici. In ogni caso il quadro che emerge è sicuramente indicativo di una realtà ormai storicizzata nel nostro sistema sanitario nazionale

15 novembre 2016

#Precarimaipiù: la voce dei giovani medici. L'Anaao su CORRIERE DELLA SERA-LA NUVOLA DEL LAVORO

Maurizio, Maddalena e Cristina fanno parte dell'Anaao Giovani, divisione del primo sindacato di medici italiano per numero d'iscritti, e di quei 14mila precari (tanti ne stimano i sindacati) in attesa di stabilizzazione.
Il commento di Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed, di Maurizio Cappiello, Maddalena Zippi, Cristina Fabiani del settore Anaao Giovani.

07 novembre 2016

Il demansionamento riguarda tutte le figure sanitarie, la colpa è dell’organizzazione - di Paola Gnerre, Direttivo Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

Quante volte il medico, oltre a prescrivere, è assistente sociale, infermiere o psicologo? Se ognuno lavorasse esclusivamente sulle proprie competenze il malato sarebbe “solo” al centro del complesso di cura. E allora evitiamo di imputare al singolo la responsabilità di simili atti perché non è il singolo, ma è il sistema la “root cause” del demansionamento di tutte le figure sanitarie.

02 novembre 2016

La ‘fuga’ dei medici. Un fenomeno più diffuso di quanto si creda - P. Di Silverio (Direttivo Naz. AG), M. Zippi (Resp. AG Lazio), M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) - QUOTIDIANO SANITA'

In questo Paese, la carenza di medici specialisti è divenuta “cronica”, cosicché le varie agenzie si adoperano per reclutare all’estero i propri candidati.

20 ottobre 2016

LEGGE DI BILANCIO 2017: dopo le slide i giovani medici chiedono i fatti - Comunicato stampa 

I medici del sistema pubblico sono al limite della pazienza: le mancate assunzioni, il mancato finanziamento del FSN negli anni passati come previsto dal Patto della Salute e il blocco del turnover hanno portato all'esasperazione fisica e psichica i colleghi, costretti a turni di lavoro disumani e, troppo spesso, ad anni e anni di precariato, con contratti illegali e senza tutele. 

16 ottobre 2016

I giovani medici "Cinque anni per un contratto" - LA REPUBBLICA - Ed. Milano - Il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani)

«Il problema vale per la Lombardia come per tutta Italia. E non è legato solo al mancato turnover, ma anche all'imbuto formativo tra le università e le scuole di specializzazione.  L'anno scorso in Italia sono stati messi a bando dal ministero 6mila posti per specializzandi, di cui oltre 500 in Lombardia. Il problema? I candidati che si sono presentati erano oltre 14mila: molti non sono riusciti a entrare e ritenteranno l'anno prossimo, intasando ulteriormente le graduatorie. Un cane che si morde la coda, insomma»

14 ottobre 2016

STRUMENTI PER GIOVANI SINDACALISTI - Seminario di studio del Settore Anaao Giovani - Roma, 14 ottobre GLI ATTI DEL SEMINARIO

Leggi le relazioni presentate durante il seminario.

Seminario di studio finalizzato a fornire strumenti pratici ai giovani medici impegnati nell’attività sindacale, utile a costruire una nuova identità professionale attraverso focus condotti da esperti su argomenti attuali e di interesse per la categoria, quali i nuovi modelli organizzativi sanitari, il rapporto dei giovani con il sindacato e la corruzione in sanità.
 



Il programma in pdf

LE RELAZIONI

Nuovi modelli organizzativi sanitari: una opportunità per i giovani professionisti? Claudio Costa - Direzione Risorse Strumentali SSR - CRAV - Area Sanità e Sociale - Regione Veneto - leggi la relazione
 
"Curiamo la corruzione". Carla Collicelli - Fondazione Censis - leggi la relazione

Giovani, lavoro, sindacato. Un rapporto complesso. Francesco Seghezzi – ADAPT; Francesco Nespoli – ADAPT - leggi la relazione

14 ottobre 2016

Manovra. Sul fondo sanitario balla ancora 1 miliardo. Il Settore Anaao Giovani su IL SOLE 24 ORE

I giovani medici dell'Anaao commentano la promessa di Renzi di bandire concorsi per 10mila posti (forse anche medici): "Siamo stufi delle parole, vogliamo i fatti su precariato e nuove assunzioni, non proclami stile televendita pre-elettorale".

13 ottobre 2016

SIAMO STUFI DELLE PAROLE. VOGLIAMO I FATTI SU PRECARIATO E NUOVE ASSUNZIONI. Comunicato e rassegna stampa

I giovani medici in attesa di un più fisiologico ricambio generazionale e di una radicale riforma delle modalità di accesso alla professione, non resteranno ad ascoltare passivi un Governo che promette una cosa e ne fa un'altra, ma parteciperanno a tutte le iniziative sindacali che l’Associazione metterà in campo per difendere il diritto alla salute e il lavoro dei professionisti.

12 ottobre 2016

Pronta disponibilità ed evoluzione tecnologica, di Bruno Nicora. DIRIGENZA MEDICA n. 7-8/2016. 

L’istituto della reperibilità concontrattazione centrale edecentrata deve crescere allo stesso ritmo di risk management e telecomunicazione.

10 ottobre 2016

CCNL: le richieste dei giovani medici. Contratto si, contratto no.....la terra dei cachi.
DIRIGENZA MEDICA N. 7-8/2016

Dario Amati (Responsabile Piemonte e Coordinatore Area nord Settore Anaao Giovani) firma l'editoriale sull'ultimo numero di Dirigenza Medica, per richiamare l'attenzione sulle aspettative che i giovani medici ripongono nel prossimo contratto di lavoro.

27 settembre 2016

SPRECHI IN SANITA'. Lo studio del Settore Anaao Giovani è stato ripreso da: SOLE 24 ORE SANITA', LA STAMPA, RIFDAY, TEST-SALVAGENTE, NURSETIMES.ORG, HELPCONSUMATORI

Lo studio è stato realizzato da: Chiara Rivetti (Segreteria Anaao Assomed Piemonte), Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG), Maddalena Zippi (Responsabile AG Lazio), Saveria De Vito (Avvocato), Ilaria Vescarelli (Anaao Assomed Umbria), Pierino di Silverio (Direttivo Nazionale AG), Maurizia Gambacorta (AG Umbria), Gabriele Romani (AG Emilia Romagna)

13 settembre 2016

Il SSN sull’ottovolante delle classifiche internazionali. Ecco la ricetta di Anaao giovani per una pagella credibile - Studio Anaao Giovani su IL SOLE 24 ORE SANITA'

Il nostro Ssn danza come una piuma al vento delle classifiche internazionali. Dove sta la verità?
Lo studio è stato realizzato da: Paola Gnerre (Direttivo nazionale Anaao Giovani), Maurizio Cappiello (Consigliere nazionale Anaao Giovani), Domenico Montemurro (Responsabile nazionale Anaao Giovani), Simona Bonaccorso (Responsabile Anaao Giovani Sicilia), Michela Piludu (Responsabile Anaao Giovani Sardegna), Daniela Tirotta (Anaao Giovani Emilia Romagna)

07 settembre 2016

TEST DI MEDICINA. Intervista su RADIO INBLU a Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani

ascolta l'intervista  (dal minuto 15.27)

06 settembre 2016

TEST MEDICINA - Intervista su RADIO CUSANO CAMPUS ad Alessandro Conte, Direttivo Nazionale Anaao Giovani

 

20 luglio 2016

Il lavoro della continuità assistenziale può essere affidato al servizio 118? di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) e Chiara Rivetti (Anaao Assomed Piemonte) - DIRIGENZA MEDICA N. 6

La figura del medico di guardia medica, primo lavoro ad inizio carriera per tanti e lavoro di una vita per altrettanti, potrebbe diventare un malinconico ricordo di tempi passati, come il termometro a mercurio.

12 luglio 2016

Labirinto medici&pensioni. Una bussola per i medici tra Enpam, Onaosi, Inpdap, "quote A e B" - a cura di Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna) su Sole 24 Ore Sanità n. 26/2016

Breve vademecum per orientarsi nel ginepraio del sistema pensionistico, per capire chi sono e cosa fanno gli istituti demandati ultile a coloro che sono prossimi alla pensione (che il calcoli li hanno già fatti). per chi ha più o meno tempo davanti e per chi il posto deve ancora conquistarselo.

INPS, INPDAP, ENPAM, INPS Gestione separata…non ci capisco nulla! Io medico dipendente a quale cassa devo versare i soldi per la mia pensione?
L’ente previdenziale di tutti i medici è l’Enpam.
I dipendenti pubblici sono obbligatoriamente iscritti anche all’Inps (ex-Inpdap).
I medici in formazione specialistica sono obbligatoriamente iscritti anche all’Inps gestione separata.
Tutte le altre categorie versano i contributi in specifici fondi Enpam.

Che cos'è l’ENPAM?
E' una Fondazione di diritto privato, senza scopo di lucro, costituita per assicurare previdenza ovvero pensione e assistenza ovvero sussidi straordinari a favore dei suoi iscritti medici, dei loro famigliari e superstiti. Istituito nel 1932 con decreto regio ”Istituto di previdenza dei medici italiani”, trasformato nel 1965 in Ente di diritto pubblico “Ente nazionale previdenza assistenza medici”, modificata con decreto legge n° 509 del 1994 nell'attuale Fondazione privata.

Perché devo pagarne i contributi, a cosa serve?
L'articolo 38 della Costituzione italiana sancisce che i lavoratori hanno diritto che siano previsti e assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortuni, malattie, invalidità, vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti (Enpam, Inps ecc.) predisposti e integrati dallo Stato. Quindi l'art. 38 racchiude l'obbligo delle due impostazioni assicurative pensionistica e assistenziale. Obiettivo istituzionale dell'Enpam è quello di sostenere la solidarietà tra generazioni successive in un patto che si proietta nel tempo, ovvero “chi lavora paga con la sua contribuzione la pensione a chi ha cessato di lavorare, maturando così il diritto allo stesso trattamento quando a sua volta cesserà dal lavoro”. Compito dell'Enpam è di mettere a reddito i contributi sia obbligatori che volontari versati dagli iscritti e il patrimonio per erogare, una volta maturati i requisiti, le prestazioni previdenziali e assistenziali.

Chi sono i contribuenti?
Tutti i medici in quanto tali e in quanto iscritti all'Ordine professionale ognuno per il proprio Fondo.

Quota A. Quota B. cosa sono?
La quota A e B costituiscono il Fondo Generale dell'Enpam. La quota A comprende tutti i medici che si iscrivono obbligatoriamente e contestualmente all'iscrizione all'Ordine con versamento di contributi annuali, indicizzati all'Istat e per scaglioni di età; la quota B viene versata in base al reddito derivante dalla libera professione, compresa quella intramoenia dei medici dipendenti ed i redditi derivanti da partecipazione ad attività scientifiche, con contributi proporzionali sul reddito.

Qual è la percentuale sui redditi libero professionali da destinare alla quota B?
In linea di massima:
-    Aliquota intera: i libero professionisti puri e i dipendenti pubblici in extramoenia verseranno il 14,50% del reddito libero-professionale netto sino all’importo di € 100.323,52, e 1% sul reddito eccedente tale limite, di cui solo lo 0,50% pensionabile
-    Aliquota ridotta: i medici dipendenti in intramoenia verseranno il 2% del reddito libero-professionale netto sino a € 100.323,52 e l’1% sul reddito eccedente tale limite, di cui solo lo 0,50% pensionabile. Tale quota ridotta va richiesta esplicitamente all’Enpam, pena applicazione dell’aliquota intera!
È importante ricordare che esiste una “No tax area” se il reddito libero professionale netto, prodotto nell’anno 2015, non è superiore a:
- € 5.268,69 annui per gli iscritti attivi di età inferiore a 40 anni, ovvero ammessi al contributo ridotto alla “Quota A”;
- € 9.730,34 annui per gli iscritti attivi di età superiore a 40 anni.

E' una previdenza facoltativa o obbligatoria?
E' obbligatoria perché sancita dalla Costituzione, inoltre l'obbligo contributivo al Fondo A (sentenza n° 707/88 e 88/95 della Corte Costituzionale) scaturisce dalle “superiori esigenze della solidarietà sociale” rispetto a utilità soggettive e individuali per cui l'onere della contribuzione è giustificato semplicemente dal potenziale esercizio dell'attività libero professionale connesso all'iscrizione all'albo. E' il fondo “storico” dell'Enpam, presupposto giuridico sul quale si fonda la Previdenza Medica e dal quale sono poi sorti il Fondo generale della libera professione quota B e i Fondi Speciali.

Io sono dipendente pubblico e sono iscritto all'INPS; perché devo essere iscritto all'ENPAM?
Per obbligo costituzionale e per solidarietà generazionale. Con i regolamenti e le norme in vigore fino al 2013, 1000 euro investiti in contribuzione Enpam rendono 90 euro in pensione annua, mentre 1000 euro in contribuzione Inps rendono 54 euro in pensione annua. Con la riforma approvata nel 2013, al fine di garantire l'equilibrio gestionale per almeno 50 anni, come richiesto dal decreto “salva Italia”, la rendita di 1000 euro di contribuzione è stata ridotta a 61 euro di pensione, comunque sempre più vantaggiosa rispetto ai 54 dell'Inps.
È importante ricordare che se non ci fosse la Quota B dell’Enpam, i medici dipendenti dovrebbero versare alla gestione separata Inps i loro contributi previdenziali derivanti da reddito libero professionale, con una aliquota del 24% (+22% rispetto a quella Enpam ridotta!).
Infine, dal 01/01/1998 agli iscritti a tutti i Fondi Enpam, nella sventurata e malaugurata evenienza di invalidità assoluta e permanente, è garantito un importo pensionistico complessivo minimo annuo di 14.613 euro indicizzati al 100% delle variazioni Istat. La reversibilità della pensione a favore del consorte superstite per Enpam é pari al 70% di quella spettante al titolare, indipendentemente dall'eventuale reddito del superstite, per l'Inps e pari al 60% e si riduce in proporzione al reddito del superstite.

Sento dire da alcuni Colleghi che per i dipendenti pubblici sono soldi buttati via. E' vero?
Non è vero per le motivazioni già addotte; non sono soldi buttati via, ma un investimento in termini previdenziali: i contributi versati verranno erogati sotto forma di pensione in aggiunta a quella Inps, una volta maturati i requisiti. Certo può dare fastidio pagare Inps ed Enpam assieme, ma la Corte Costituzionale si è già espressa due volte in merito, sancendo e rimarcando l’obbligo della doppia contribuzione per il medico dipendente pubblico. Quindi, volenti o nolenti, è obbligatorio per legge. Inoltre i contributi previdenziali versati al Fondo Generale dell’Enpam (quindi quota A ed eventuale quota B) sono fiscalmente deducibili dal reddito, generando anche un risparmio nel presente.


Io dipendente pubblico devo pagare anche l’ONAOSI: che cos’è, una nuova tassa?
Fortunatamente non è una nuova tassa! L'Opera Nazionale per l'Assistenza agli Orfani dei Sanitari Italiani è un Ente senza scopo di lucro nato da un'idea di un medico di Forlì, Luigi Casati, che nel 1874 la illustra al Primo Congresso Nazionale dei Medici Condotti a Padova.
Rappresenta una sorta di «assicurazione sulla vita» a basso costo, per garantire l’istruzione ai propri figli se malauguratamente dovessimo venire a mancare.
Tutela dunque gli orfani dei sanitari, principalmente permettendogli la prosecuzione degli studi con l’elargizione di borse di studio annuali.
Dal 1° gennaio 2007, non sussiste più l’obbligo di iscrizione e contribuzione per i medici non dipendenti da Enti pubblici, quali ad esempio i liberi professionisti.
Permane l’obbligo per i medici dipendenti pubblici al costo di circa 7 euro netti al mese.
E’ possibile l’iscrizione volontaria  entro 5 anni dall’Iscrizione all’Albo.

I medici più anziani continuano a consigliarmi il “riscatto di laurea” INPS: ma che cos’è?
Il riscatto degli anni di laurea ai fini pensionistici Inps è una metodica per innalzare gli anni di contribuzione e il monte contributivo totale, così da ottenere la possibilità di andare in pensione prima “per anzianità” e per aumentare la quota contributiva con il quale andare in pensione (col sistema contributivo puro più si versa, più si avrà di assegno).
E’ molto costoso e più si attende, più diventa oneroso (sono circa 35000 euro se si fa domanda subito dopo la laurea, ma rateizzabili in 10 anni e interamente deducibili dal reddito ai fini Irpef).
Potrebbe essere conveniente in un’ottica di pensionamento per anzianità, ma le regole potrebbero cambiare molte volte nei lunghi anni verso la pensione, soprattutto se si è giovani…
Col sistema contributivo bisogna considerare il riscatto di laurea come un investimento: a seconda dell’andamento del Pil italiano, il montante contributivo (cioè quanto versato per la pensione) potrà rivalutarsi o rimanere tale e quale. Attenzione, inoltre, all’inflazione: se il Pil fosse molto basso e l’inflazione alta, il montante contributivo si svaluterebbe rovinosamente.
La regola d’oro è: chiedere il riscatto appena laureati, quando ancora non si ha reddito, perché la quota richiesta dall’Inps è la più bassa possibile.

Retributivo, contributivo, contributivo misto…che significa?
Per il raggiungimento della pensione sono attuabili due tipologie differenti di calcolo applicato: retributivo e contributivo. Nel sistema retributivo verrà calcolata la nostra pensione in misura percentuale, in rapporto alla media di retribuzione percepita durante gli ultimi anni di lavoro, mentre nel sistema contributivo pensionistico, tale calcolo verrà attuato basandosi sull'ammontare totale dei contributi versati nell'arco dell'attività lavorativa.
Il sistema retributivo si basa su tre elementi: l'anzianità contributiva, la retribuzione o il reddito pensionabile, l'aliquota di rendimento (pari al 2% alla retribuzione/reddito pensionabile che rientrano in alcuni limiti, che poi decresce). Il sistema contributivo tiene in considerazione più elementi. Si parte dalla retribuzione annua/redditi conseguiti; è necessario calcolare ogni anno i contributi, determinare il montante individuale e applicare ad esso il coefficiente di trasformazione, che varia in funzione dell'età del soggetto al momento della pensione.
I campi in cui si applica l'uno o l'altro sistema o anche un sistema misto tra i due, dipendono dall'anno in cui è entrata in vigore la nuova legge e dalla situazione retributiva del lavoratore in quel periodo. I lavoratori che prima del 31 dicembre del 1995 avevano già versato diciotto anni di contributi, rientrano nel sistema di pensionistico con calcolo basato sulla retribuzione, ovvero nel sistema retributivo. Coloro che, invece, entro la stessa data (quindi dal 1 gennaio 1996), non hanno raggiunto i diciotto anni di contributi versati prestabiliti dalla legge, rientrano nel sistema pensionistico contributivo. In altri casi verrà applicato il sistema definito "pro - rata", ossia un misto tra le due tipologie di calcolo pensionistico.

Cos’è la previdenza complementare?
E’ una forma di previdenza integrativa per aumentare la propria futura pensione Inps. Rappresenta un vero e proprio investimento per il futuro.
Esistono vari enti o assicurazioni che la offrono. I contributi versati alla previdenza complementare sono interamente deducibili dal reddito fino a 5164,57 euro/anno.
La regola d’oro è: prima si comincia il versamento previdenziale complementare, più alta sarà la pensione integrativa.

11 luglio 2016

Medicina, il ritorno del tormentone sui test d'ingresso - La Repubblica Affari&Finanza - L'articolo contiene le dichiarazioni di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani)

L'ipotesi del sistema francese sarebbe possibile solo aprendo ai corsi di medicina anche le strutture del sistema sanitario nazionale che andrebbero accreditate come luoghi di formazione.

05 luglio 2016

Terapia del dolore e cure palliative, non sono un diritto per tutti? Lettera di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Assomed-Settore Anaao Giovani) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Il rispetto di un fondamentale diritto alle cure in ambiente dedicato, anche e soprattutto per i pazienti terminali ed affetti da dolore, richiede che il numero dei posti letto previsti dal piano Ospedaliero della Regione Campania per la struttura di TDCP dell’Ospedale “A. Cardarelli” sia tale da permettere di continuare a fornire quelle cure tanto necessarie alla dignità dell’essere umano, evitando di considerare tale tipologia di assistenza un puro costo ma un elemento essenziale di un diritto alla salute tutelato dalla normativa ordinaria e costituzionale.

28 giugno 2016

Brexit e camici bianchi, quei 4mila dottori «made in Italy» - L'Anaao Assomed su SANITA'24

L'effetto Brexit potrebbe avere un impatto anche sulla circolazione del personale sanitario, in particolare sui camici bianchi italiani che hanno deciso di lavorare per il NHS. E che non sono affatto pochi, come spiega in un'intervista al giornale Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani.

27 giugno 2016

PRECARI in sanità in Campania - Guarda il video di Maurizio Cappiello (Consiglio Naz. Anaao - Settore AG)

Video spot sul problema del precariato in Campania. Da maggio 2016 sopratutto per volere dell'Anaao Assomed, è stato istituito un tavolo tecnico intersindacale allo scopo di redigere un documento di proposta per la stabilizzazione dei precari da sottoporre alla controparte politica.

24 giugno 2016

DONNE IN CORSIA: pari opportunità o discriminazione? Guarda i video di Alessandra Spedicato (Vice Resp. Naz. AG) e Matteo d'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna) e RISPONDI ALLA SURVEY!

Cosa accade davvero nei luoghi di lavoro? E’ possibile per una donna medico conciliare i tempi di lavoro con i tempi di vita? Quanto pesa la gestione dei figli, e ancor prima la gravidanza, nel percorso professionale? E ancora, discriminazione e mobbing sono sempre fenomeni di genere?

16 giugno 2016

PRECARI SANITA'. Cosa si è fatto dopo le promesse del Governo? Poco o nulla. La mappa Regione per Regione - A cura di Bernadette Macchione (AG Lazio), Ester Reggio (AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consiglio Naz. Anaao - Settore AG) - QUOTIDIANO SANITA'

A distanza di 15 mesi dal DPCM del 6 Marzo 2015 nonché a distanza di 6 mesi dall’approvazione del Comma 543 dell’Art.1 della Legge n. 208 del 28/12/2015 (Legge di Stabilità 2016) per quanto ci risulta poco o nulla è stato ancora fatto sulla risoluzione del precariato in sanità.

14 giugno 2016

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Lavorare all'estero è più facile - L’articolo contiene intervista ad Alessandra Spedicato Vice Resp. Naz. Anaao Giovani - TECNICA OSPEDALIERA

Dal 18 gennaio 2016 è stata introdotta nei Paesi dell'UE la Tessera Professionale Europea (EPC), con il principale obiettivo di facilitare la libera circolazione di una fascia di professionisti mobili, rendendo più semplice la procedura per il riconoscimento delle qualifiche in un altro Paese europeo.

07 giugno 2016

European Junior Doctors Spring Meeting 2016 - Intervento di Alessandra Spedicato, Direttivo Nazionale AG e Maurizio Cappiello, Consiglio Nazionale Anaao Assomed - Settore AG - DIRIGENZA MEDICA n. 5

Si è svolto il 13 e 14 Maggio a Vilnius in Lithuania, il meeting primaverile della Ejd (European Junior Doctor) ai cui incontri Anaao Assomed prende parte da Ottobre 2015.

01 giugno 2016

ANAAO RISPONDE! Scarica anche su IOS l'APP dell'Anaao. Basta un clic per inviare un quesito al consulente legale dell'Associazione

Tutte le news e gli aggiornamenti in tempo reale a portata di cellulare! Scarica la app su Android e anche su IOS. Guarda il nuovo promo

GUARDA IL PROMO



Come navigare nella APP?
Quali sono le sue caratteristiche? (scarica il documento)

30 maggio 2016

Gli Studi Anaao Assomed. Ecco perchè è da rivedere il MODELLO H16 - A cura di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) e Chiara Rivetti (Anaao Assomed Piemonte)

L'analisi e i suggerimenti su come superare le difficoltà in caso si realizzasse il modello H16 voluto dalla convenzione della medicina convenzionata in uno studio realizzato dall'Anaao Assomed.

24 maggio 2016

Ma è possibile prevedere il fabbisogno di personale sanitario tra vent’anni? - Intervento di  Alessandra Spedicato (Direttivo Nazionale AG) e Maurizio Cappiello (Consiglio Nazionale Anaao Assomed - Settore AG) - QUOTIDIANO SANITA'

Fare previsioni non significa pianificare ma significa immaginare uno o più dei futuri possibili (scenari) dove andare ad allocare le risorse. Dunque è prima una azione politica e dopo una attività tecnica o meglio statistica di individuazione dei dati necessari (minimum data set) a meglio descrivere ed interpretare un determinato scenario

23 maggio 2016

FORMAZIONE MEDICA. Quando non si può difendere l’indifendibile - Matteo d’Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna), Alessandro Conte (Direttivo Naz. AG), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG) - Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

E' da anni che la formazione medica in Italia necessita di uno svecchiamento, di un aggiornamento 2.0 che la renda al passo degli altri Paesi europei. Come Anaao in questi anni abbiamo fatto alcune
proposte migliorative del sistema, che, inutile nasconderlo, così proprio non va.

23 maggio 2016

UNIVERSITA'&LAVORO. All’Europa serve un milione di dottori - L’articolo riporta il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - LA REPUBBLICA - Le Guide

Da qui al 2020 ci sarà bisogno di neurologi, internisti, oncologi, geriatri e molti altri. Ecco gli specialisti più richiesti. In Italia e all’estero.

Il quotidiano in edicola oggi dedica un inserto agli scenari di occupazione per le aree mediche, riprendendo ampiamente la posizione dell'Anaao Assomed. Una fotografia delle specializzazioni più richieste e del fenomeno migratorio in sanità.

Da qui al 2020 ci sarà bisogno di neurologi, internisti, oncologi, geriatri e molti altri. I nostri medici sono apprezzati a livello internazionale. Dal 2014 a oggi oltre tremila hanno fatto la scelta di emigrare. Ecco gli specialisti più richiesti. In Italia e all'estro.

Università&lavoro. Medicina. All'Europa serve un milioni di dottori - leggi l'articolo

I paradossi della Sanità. Ospedali ostaggio dei budget. Quindici minuti per un paziente - leggi l'articolo

16 maggio 2016

La Sanità italiana al bivio tra il nord e l’est dell’Europa - di Alessandra Spedicato (Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani) - QUOTIDIANO SANITA'

In un recente convegno Anaao la marcata eterogeneità dei sistemi sanitari in Europa, frutto di scelte politiche, economiche ed organizzative estremamente variegate. Tanta disparità permette a noi italiani di guardare all’Europa come ad una sfera di cristallo dove possiamo immaginare il nostro futuro (almeno in sanità), a seconda delle scelte che decideremo di fare.

05 maggio 2016

Nuove ASSUNZIONI in sanità. Ecco le proposte di Anaao Giovani - A cura di: Ester Reggio (AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG Campania), Bernardette Macchione (AG Lazio), Maddalena Zippi (Resp. AG Lazio), David Giannandrea (Resp. AG Umbria), Matteo D'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna), Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani) - Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Le proposte del Settore Anaao Giovani sulle assunzioni del comparto sanità, in particolar modo sul reclutamento di figure della dirigenza medica e sanitaria, alla luce del quadro normativo generale, sulla scorta delle disposizioni legislative in materia di occupazione nella pubblica amministrazione recentemente approvate dal Consiglio dei Ministri.

04 maggio 2016

SPECIALIZZAZIONI, 27 nuove scuole targate Lorenzin e 6.133 contratti per il 2015-16. Ecco il decreto - L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - SANITA'24

Prende forma la nuova rete formativa Ssn dei camici bianchi con 27 nuove scuole accreditate da nove decreti appena firmati dalla ministra Lorenzin.

26 aprile 2016

ACCESSO A MEDICINA: tanti no al “sistema francese”. Anaao Giovani: “Così si rischiano ulteriori ricorsi. Già 11mila quelli accolti nel 2015”. L’articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani - SANITA' INFORMAZIONE

La posizione del Settore Anaao Giovani, dopo che il Miur ha fatto trapelare di essere al lavoro su una revisione del sistema di ingresso a Medicina e di guardare con particolare interesse al cosiddetto “sistema francese".

20 aprile 2016

PRECARI, la mappa di Anaao giovani per superare l’anomalia sanità - di Maddalena Zippi (Responsabile Anaao Giovani Lazio) Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Giovani Campania) Ester Reggio (Anaao Giovani Sicilia) - IL SOLE 24 ORE SANITA' N.15/2016

La mappa di Anaao Giovani sulle procedure per la stabilizzazione dei camici bianchi. Una babele di rapporti giuridici sconosciuta ad altri settori della Pa.

19 aprile 2016

FORMAZIONE POST LAUREA. Senza riforma il rischio è di 30mila laureati senza specializzazione - Lettera al Direttore di Alessandro Conte (Direttivo Nazionale Anaao Giovani) e Matteo d’Arienzo (Responsabile Anaao Giovani Emilia Romagna) - QUOTIDIANO SANITA'

La riposta del Settore Anaao Giovani all’intervento congiunto di SIGM e Federspecializzandi.

15 aprile 2016

Come funziona e cosa si rischia con un PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - Intervento di Mirko Schipilliti (Anaao Giovani Veneto) - QUOTIDIANO SANITA'

Un procedimento disciplinare è sempre legittimo? Dovremmo dire di sì, per la sua natura intrinseca, ma la materia è alquanto spinosa per le delicate implicazioni che richiama e gli allarmismi che suscita nei potenziali “incolpati”.

12 aprile 2016

DDL EX ART. 22. Formazione, il no degli atenei - L'articolo riporta il commento di Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed e Domenico Montemurro Responsabile Nazionale Anaao Giovani - IL SOLE 24 ORE SANITA’ N.14/2016

L’accesso anticipato al Ssn divide le sigle. Dopo il vertice sindacati-Governo-Regioni i primi punti di frizione. Laurea abilitante: ok Miur.

09 aprile 2016

FORMAZIONE SPECIALISTICA, è contesa tra atenei e sindacati. Il punto sulle proposte - DOCTOR33 - Il commento di Domenico Montemurro (Resp. Naz. Anaao Giovani)

Anaao Giovani e Fimmg Formazione replicano al Sigm: "Proprio grazie alla proposta dei sindacati, le strutture formative ora debbano soddisfare criteri d'accreditamento ulteriori, quali ampio volume complessivo d'attività, casistica complessa e strutture d'alto livello tecnologico".

07 aprile 2016

ART. 22 e FORMAZIONE. Intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Aanaao Giovani) «Continuando con i no 31mila medici inoccupati nel 2020» - SANITA'24

Sulla formazione dei medici serve una svolta e la bozza ex art. 22 è una strada praticabile, da costruire insieme con le Regioni. L'emergenza occupazione per i neo medici è già una realtà. E va sgombrato il campo da facili demagogie e soprattutto dalle resistenze del mondo accademico.

È questa in sintesi la posizione espressa da Anaao giovani: «Riguardo al doppio binario formativo per i medici specializzandi – sottolinea il responsabile nazionale di Anaao giovani, Domenico Montemurro - la bozza del ddl ex art 22 non ne parla, anzi si parla di un biennio formativo dei medici specializzandi in strutture della rete formativa che abbiano come prerequisito l'accreditamento. È chiaro che si tratta di un percorso formativo più articolato rispetto a quello attuale e che necessita anche dell'intervento da parte delle regioni, che ne debbono sostenere parte dei finanziamenti, soprattutto come oneri riflessi. Quindi evitiamo qualsiasi demagogia e cerchiamo di essere pragmatici e soprattutto guardiamo a un emergenza sociale formativa. Di fatto è indubbio che occorre ridurre ancora di più l'accesso a Medicina per assorbire l'impatto di oltre 11mila ricorsi al Tar e aumentare i contratti di formazione specialistica fino a un totale di circa 9mila/10 mila borse, compresa la scuola di medicina generale».

leggi l'intervista pubblicata su SANITA'24

05 aprile 2016

FONDI UE, la spesa è ingolfata. Solo Italia e Grecia non hanno rispettato i livelli stabiliti con un gap che supera il 20% - A cura di Pierino Di Silverio (Direttivo Nazionale Anaao Giovani) - IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 13/2016

In sospeso 30mld tra scarse competenze e deficit di programmazione.

04 aprile 2016

DELEGA LAVORO IN SANITA'. I giovani di Anaao e Fimmg replicano a Sigm: “Evitare inutili spauracchi” - Lettera al Direttore di Domenico Montemurro (Resp. Nazionale Anaao Giovani) e Giuliana Arciello (FIMMG-Formazione) - QUOTIDIANO SANITA'

Questa nostra lettera è per esprimere stupore in merito a quanto scritto dal Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM). Nel suddetto articolo, infatti, l’Associazione entra nel merito delle proposte dei Sindacati di categoria riguardanti il Decreto Delega ex art. 22 del Patto per la Salute per “accusarli” di non essere rappresentativi degli interessi dei giovani medici e chiedendo di poter prendere parte ai lavori del tavolo politico sindacale.

01 aprile 2016

SPECIALIZZANDI: LE SCUOLE ITALIANE SONO IN REGOLA CON L’ORARIO DI LAVORO EUROPEO?
Partecipa all’indagine Anaao Giovani

Se sei specializzando partecipa all'indagine Anaao Giovani: ci aiuterai a far rispettare i tuoi diritti!

01 aprile 2016

Choosing wisely: APPROPRIATEZZA in medicina - di Paola Gnerre (Dir. Naz. AG), Domenico Montemurro (Resp. Naz. AG), Chiara Rivetti (Anaao Piemonte) e Carlo Palermo, Vice Seg. Naz. Vicario Anaao Assomed - DECIDERE IN MEDICINA n.1

In Sanità il termine “appropriatezza” indica la misura di quanto una scelta o un intervento diagnostico/terapeutico sia adeguato rispetto alle esigenze del paziente.

19 marzo 2016

COSA CI ASPETTA? Criticità nell'accesso alla formazione post-lauream e al mondo del lavoro - Convegno il 19 marzo a Sovicille (SI) - Partecipa ai lavori Domenico Montemurro, Responsabile Naz. Anaao Giovani

L'incontro, che si terrà presso l'Auditorium Banca CRAS di Sovicille, è organizzato dalla Commissione Giovani Medici dell'OMCeO di Siena ed è rivolto alle Commissioni Giovani Medici degli Ordini Toscani, agli studenti, ai corsisti MMG, agli specializzandi e ai neodiplomati/neospecializzati.
Il Dott. Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani, parteciperà con una relazione dal titolo "Programmazione, fabbisogno, turn over e problematiche nell'accesso al mondo del lavoro".

12 marzo 2016

ORARIO DI LAVORO: la normativa europea si applica anche agli specializzandi. Comunicato stampa Anaao Giovani

Il ministero della salute, rispondendo ad una precisa richiesta dell'Associazione, ha chiarito gli ambiti di applicazione mettendo una pietra tombale su ogni diversa interpretazione. Ora i direttori di scuola devono rispettare la legge! Il testo del parere.

11 marzo 2016

La sanità europea sotto la lente - Intervento di Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG) - DIRIGENZA MEDICA N. 2/2016

Repost sulla 3° Conferenza della Joint Action Health Workforce Planning and Forecasting che si è tenuta a Varna in Bulgaria.

07 marzo 2016

Tutte quelle promesse non mantenute sulle liste d’attesa - Tania Serri (Anaao Giovani) - QUOTIDIANO SANITA'

02 marzo 2016

I cinque errori da evitare per tagliare i costi in sanità? Se in Italia sono stati commessi tutti - Intervento di Costantino Troise (Segretario Nazionale Anaao) e Domenico Montemurro (Responsabile Anaao Giovani) sullo studio della Harvard Business - QUOTIDIANO SANITA'

01 marzo 2016

SPECIALIZZANDI: le indicazioni del MIUR su ORARIO DI LAVORO e TRASFERIMENTI

L’Osservatorio nazionale per la formazione medica specialistica del MIUR, con due recenti note, è entrato nel merito dell’attività dei medici specialisti in formazione, dando specifiche indicazioni sull’orario di lavoro e sulla distribuzione delle attività pratico/assistenziali a seguito dell’entrata in vigore della direttiva europea recepita in Italia dalla legge 161/2014 e sulle modalità di trasferimento da una scuola di specializzazione ad un’altra.

29 febbraio 2016

Lazio. Le nuove assunzioni, i concorsi e le politiche clientelari che non si riescono a rottamare - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore di Maddalena Zippi e Bernadette Macchione Anaao Giovani Lazio

23 febbraio 2016

Caldo record e calo dei vaccini antinfluenzali le cause del picco di mortalità nel 2015. L’articolo cita uno studio Anaao Assomed - OK SALUTE E BENESSERE

09 febbraio 2016

Quei tagli che fanno aumentare la mortalità - Studio Anaao a cura di A. Rossi (Resp. AG Veneto), C. Rivetti (Segreteria Anaao Piemonte), D. Montemurro (Resp. Naz. AG), C. Troise (Seg. Naz. Anaao), C. Palermo (Vice Segr. Naz. Vicario Anaao), P. Gnerre (Dir. Naz. AG) - SANITA'24

04 febbraio 2016

Tar e soprannumero a Medicina, Anaao giovani: «Senza una riforma pensata si rischia il corto circuito» - SANITA'24 - di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

La presenza di oltre 28mila matricole a Medicina tra gli aa 2013/14 e 14/15 compresi gli ammessi dal Tar minaccia seriamente la carriera di questi futuri colleghi. Vari i motivi. Adesso ed entro il 2023 servono medici specialisti. Successivamente anche se sarà risolta la questione del basso numero di contratti di specialità, vi saranno disoccupati con il rischio di una nuova pletora medica.

03 febbraio 2016

Facoltà di Medicina romena a Enna, disco verde del Tribunale di Caltanissetta. Il Miur paga le spese processuali - SANITA'24 - L'articolo contiene il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani

Duro il commento di Anaao Giovani: «Ancora una volta si resta basiti verso questa ordinanza che di fatto se il Miur non si opporrà, aprirà le porte ai furbetti che vogliono aggirare il numero chiuso in Italia. [...]"

02 febbraio 2016

Personale. Anaao Giovani: “Con legge di Stabilità solo ulteriori sacche di precariato” - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore, di Maddalena Zippi (Resp. AG Lazio), Bernadette Macchione (AG Lazio), Ester Reggio (Resp. Az. AG Sicilia), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG)

In sanità ed in particolare per i medici, i numeri sul precariato da una recente indagine Anaao ammontano ad almeno 14.000 con un arrotondamento in difetto, con una età media stimata di 34 anni, una non trascurabile presenza di over 40 e un tempo d’ingresso con un contratto stabile in media di 10 anni.

02 febbraio 2016

What is the gender gap? di Paola Gnerre (Direttivo Naz. Anaao Giovani), Cecilia Politi (Dir. UOC Medicina Interna Osp. Veneziale-Isernia), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. Anaao Giovani) - DIRIGENZA MEDICA N. 1/2016

Nel 2006 il “World Economic Forum Report” ha introdotto il “Global Gender Gap report”, con l’obiettivo di riportare i dati sulla disparità e sulle differenze di genere per ogni paese.

02 febbraio 2016

La difficile vita del medico tra stess, tagli alla sanità e precarietà - Le indagini Anaao Giovani nel 2015 - DIRIGENZA MEDICA N. 1/2016

Nell’anno appena trascorso AG si è cimentata in tre survey che hanno indagato i disagi della professione medica mettendo in evidenza sia le difficoltà umane e professionali sia le conseguenze dei
continui tagli alla sanità sulla professione.

31 gennaio 2016

Se i tagli alla sanità colpiscono anche i medici. La survey Anaao Giovani su PANORAMA DELLA SANITA'

30 gennaio 2016

RESPONSABILITA' PROFESSIONALE MEDICA: pensiero clinico e diritto a confronto - Corso di formazione a cura dell'Anaao Assomed Sicilia - Settore Giovani

Catania - 30 gennaio 2016 dalle 8,30 alle 16,30 c/o il Palazzo della Cultura, Via V. Emanuele, 121

L’obiettivo del corso è quello di fornire un contributo alla conoscenza dei risvolti penali e civili della propria professione, di porgere gli strumenti utili a saper gestire il contenzioso, in ultima analisi di incoraggiare verso atteggiamenti che ottimizzino l’appropriatezza delle cure minimizzando le scelte dettate da una medicina difensiva.

Temi trattati nel corso: la formazione universitaria adeguata, primum movens per un ingresso consapevole del giovane medico nel mondo del lavoro; la responsabilità professionale in ambito penale ed in ambito civile con una completa e dettagliata panoramica delle problematiche legali più rilevanti rispetto al tema.

Docenti: Simona Bonaccorso, Responsabile Anaao Giovani Sicilia; Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale Anaao Giovani; Dott. Maria Licata Avvocato penalista - Foro di Catania.

leggi il programma


 

25 gennaio 2016

I nuovi lazzaretti e i gironi danteschi del nuovo millennio nei Pronto Soccorso Italiani - Lettera di M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Pensiamo che i lazzaretti del secolo scorso, di memoria manzoniana, siano solo un ricordo letterale o che i gironi dell’inferno descritti da Dante nella Divina Commedia solo un’opera letteraria? Ebbene ci sbagliamo di grosso! Basta fare un giro nei tanti Pronto Soccorso italiani e vivere l’esperienza di un solo turno...

22 gennaio 2016

Professione medica, nuove regole per evitare lo stress - CRONACA & DOSSIER

L’articolo cita l’indagine realizzata dal Settore Anaao Giovani

21 gennaio 2016

Migliaia di decessi in più in Italia nel 2015. Cosa accade. Intervista a D. Montemurro, Resp. Naz. Anaao Giovani - RADIO RETE EDICOLE

20 gennaio 2016

SSN CERCASI: il progressivo impoverimento dell'offerta sanitaria ai pazienti aumenta il rischio nel lavoro medico - La nuova indagine dell'Anaao

Al via l'indagine - promossa da Anaao Giovani ma diretta a TUTTI i medici che lavorano nel Ssn o in pensione - che si propone di fotografare alcuni indicatori indiretti del progressivo impoverimento dell’offerta sanitaria ai pazienti e del concomitante aumento di rischio del lavoro medico. Che peso hanno carichi di lavoro eccessivi, carenze organizzative, assenza di una rete efficiente tra ospedale e territorio?
LA RASSEGNA STAMPA

15 gennaio 2016

Concorsi straordinari in sanità. Anaao Giovani: “Sono una goccia nel mare” - QUOTIDIANO SANITA' - Lettera al Direttore, di M. Zippi (Resp. AG Lazio) e M. d'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna)

Con l’entrata in vigore, il 25 Novembre scorso, della Direttiva Europea 2003/88/CE sull’orario lavoro e riposi, stanno emergendo numerose preoccupazioni da parte di tutte le Aziende Sanitarie italiane, che rischiano una drastica diminuzione delle prestazioni o addirittura la completa interruzione dei servizi.

13 gennaio 2016

Cosa rischiamo davvero con i tagli alla sanità. L'articolo riprende la survey Anaao Giovani con il commento di Domenico Montemurro (Resp. Naz. AG) - DONNA MODERNA

12 gennaio 2016

Quando si confonde Management con Clinical Leadership - di A. Spedicato (Vice Resp. Naz. AG) - DIRIGENZA MEDICA 10/2015

I numeri primi hanno la particolarità di essere divisibili solo per se stessi e per uno. Noi medici siamo come i numeri primi: le nostre scelte possiamo condividerle solo con noi stessi e con un "Uno" che è la Medicina, intesa come scienza e conoscenza. Questa indipendenza professionale non significa solitudine.

12 gennaio 2016

Mini-proroghe della direttiva sull'ORARIO DI LAVORO e riposi: l'Anaao dice "no grazie" - di M. Zippi (Resp. AG Lazio), C. Pozzi (Coord. AG Macro Regione Centro), D. Montemurro (Resp. Naz. AG), C. Palermo (Vice Seg. Naz. Vicario Anaao) - DIRIGENZA MEDICA n.10/2015

Dal 25 Novembre, l'Italia è tenuta a dare applicazione alla  Direttiva 2003/88/Ce (orario lavoro e riposi), che fissa un limite massimo di 12,50 ore di lavoro giornaliere, seguite da 11 ore continuative di riposo nell'arco delle 24 ore. Un documento-bozza delle Regioni prima e un emendamento adesso alla Legge di Stabilità 2016, espongono al rischio di multe fino a 250mila euro al giorno.

11 gennaio 2016

I MASTER UNIVERSITARI ED IL "COMMA 566": la faccia nascosta della questione - Lettera di M. Cappiello (Consigliere Naz. AG) e D. Montemurro (Resp. Naz. AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

L'argomento è stato trattato in tutte le sue sfumature, per cui, evitando di riprendere quanto già più volte espresso, e da più parti, ci sembra il caso di riflettere su un aspetto trascurato, vale a dire i veri beneficiari di questa tanto famigerata riforma epocale delle competenze.

31 dicembre 2015

Ecco perchè l'Adroterapia deve entrare nei nuovi Lea - Lettera di M. Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Giovani) al direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Gentile Direttore, alla luce della legge di stabilità 2016 e degli 800 milioni di euro stanziati per la doverosa “review” dei LEA, vorrei parlare di una metodica che si chiama terapia Adronica o Adroterapia, questa è una forma di radioterapia a fasci esterni che utilizza protoni, neutroni o ioni positivi per il trattamento di tumori radio [...]

30 dicembre 2015

Medici specializzandi: riposi negati - LA NUVOLA DEL LAVORO - CORRIERE DELLA SERA (l'articolo riporta la posizione Anaao Giovani)

Che l’ultima battaglia dei camici bianchi sia quella sul diritto al riposo è cosa nota. Ma in pochi sanno che negli ospedali i grandi esclusi dalla rivoluzione della turnazione sono i medici specializzandi.
Stiamo parlando di oltre 13mila giovani professionisti che pur svolgendo le stesse attività dei medici non sembrano (per ora) aver diritto al tanto agognato riposo di 11ore tra un turno e l’altro.

24 dicembre 2015

Sanità sempre più giù ora anche i medici bocciano gli ospedali. La survey Anaao Giovani su IL VENERDI DI REPUBBLICA

L'articolo riporta anche il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG

22 dicembre 2015

Un giovane medico “molto nostalgico” - Lettera di P. Di Silverio (Direttivo Naz. AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

16 dicembre 2015

MANOVRA 2016, sanità: ecco l’emendamento sui medici al voto oggi - L’articolo contiene il commento di D. Montemurro - Responsabile Nazionale AG - SANITA'24

15 dicembre 2015

Per 9 medici su 10 il Ssn peggiora anno dopo anno - La survey Anaao Giovani pubblicata su IL SOLE 24 ORE SANITA n. 46

14 dicembre 2015

ORARIO DI LAVORO/SPECIALIZZANDI. Anaao Giovani invia diffida a tutti gli atenei - QUOTIDIANO SANITA'

L'Ufficio Legale dell'Associazione ha predisposto il testo di una diffida inviata ai Rettori e Presidi delle facoltà di medicina affinchè anche agli specializzandi sia garantito un diritto insindacabile.

14 dicembre 2015

EVENTO ANAAO GIOVANI PIEMONTE - Torino, Ospedale Molinette, 14 dicembre ore 17,00 - Incontro per giovani medici in formazione e neospecialisti

L'evento organizzato dall'Anaao Giovani Piemonte è rivolto a tutti i medici in formazione, e neospecialisti

L'incontro si terrà all'Ospedale Molinette, Aula Lenti (1° piano - Corso Dogliotti, sopra la biblioteca).
Si parlerà di: orario di lavoro (attuazione normativa europea); RCP e colpa grave; Presentazione del Vademecum Anaao.

10 dicembre 2015

Se i TAGLI alla sanità colpiscono anche i medici. I risultati della survey Anaao Giovani.

Anaao Giovani propone i risultati di una survey che ha voluto indagare la percezione della qualità ed equità del SSN e mettere a fuoco i principali problemi visti dalla parte di chi indossa il camice bianco.

A cura di Chiara Rivetti (Segreteria Anaao Assomed Piemonte), Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto), Dario Amati (Coordinatore AG Macro Regione Nord), Tiziana Attardo (Anaao Assomed), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG), Novella Carannante (Consigliere Az. Anaao Assomed Campania), Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna), Ilaria Vescarelli (Anaao Assomed), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG), Carlo Palermo (Vice Segretario Nazionale Vicario Anaao Assomed), Paola Gnerre (Direttivo Naz. AG)

LEGGI I RISULTATI DELLA SURVEY
il comunicato di sintesi inviato alla stampa 
che è stato ripreso da: Adnkronos Salute, AgenParl, IMGPress, InsaluteNews, Quotidiano Sanità, Healthdesk, Panorama della Sanità, Sanità24, Aboutpharma, Doctor33, LazioTv, Il Tirreno.it

La survey è stata pubblicata anche su IL SOLE 24 ORE SANITA n. 46. "Per 9 medici su 10 il Ssn peggiora anno dopo anno"
L'ARTICOLO e LA SURVEY COMPLETA

07 dicembre 2015

La formazione medica è un flop. L'articolo riporta i contenuti della relazione di D. Montemurro (Resp. Naz. Anaao Giovani) presentata agli Stati Generali della Professione del 21ottobre '15 - IL GIORNALE DELLA PREVIDENZA

07 dicembre 2015

Il 16 dicembre in difesa dei medici, ma anche dei cittadini - L'Anaao Giovani su QUOTIDIANO SANITA'

Intervento di Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale Anaao Giovani

27 novembre 2015

"I medici precari non sono tutelati. Lavorano anche 80 ore senza riposi”. Sanità polemiche sulla nuova normativa Ue sui turni in corsia - IL RESTO DEL CARLINO - L'articolo contiene il commento di M. D'Arienzo (Resp. AG Emilia Romagna)

25 novembre 2015

#‎MAIPIUSENZARIPOSO‬: da oggi in corsia le nuove regole sull'orario di lavoro. IL VIDEO ANAAO GIOVANI

In poche immagini le istruzioni per l'uso delle norme europee che entrano in vigore oggi in Italia.

19 novembre 2015

MUOVIAMOCI UNITI! L'Anaao Giovani il 28 novembre a Roma

Il Responsabile Nazionale Anaao Giovani richiama i colleghi del Settore ad una presenza massiccia alla Manifestazione di sabato 28 novembre a Roma: "Dobbiamo muoverci uniti, per affermare i nostri NON CI STO!"
La lettera è stata pubblicata su QUOTIDIANO SANITA'

Cari Colleghi,
non aspettiamo che il nostro sistema sanitario pubblico venga distrutto in nome di logiche economiche, non aspettiamo che il Governo si esprima con dolore affinché i giovani restino in Italia, non aspettiamo che "qualcuno" ci aiuti perché fiduciosi che qualcosa cambierà.

Sono pronto a disilludervi e incoraggiarvi, sapendo che sacrificherete una parte del vostro tempo, quello magari sottratto alle vostre famiglie e al tempo libero, per abbracciare le motivazioni della manifestazione del 28 Novembre e dello sciopero del 16 Dicembre, che non possono e non devono lasciarci indifferenti.

Oggi decidiamo di "muoverci" uniti, per affermare un NON CI STO! Se è vero che i medici "vivono" tra vita e morte, la nostra (non siamo immuni) e dei nostri pazienti, allora non esiste esitazione o pensiero che distolga le nostre coscienze a voler fare bene il nostro mestiere.

Forse perché non ci basta chiudere gli occhi o essere ombre e perché non ci servono le briciole, che dobbiamo recuperare l'entusiasmo del sorriso.

Non voglio "violentare" i vostri sonni, ma ormai sono anni in cui assistiamo da spettatori inermi, a decisioni calate dalle Direzioni e che come macigni pesano sulle nostre decisioni cliniche e non. Sembra tutto un gioco di semantica, dove parole tantriche come appropriatezza, confusa con indicazione, pretendono di scaricare colpe sul cittadino e punizioni per i medici; ma questo al governo non importa, noi siamo soldatini da muovere, pedine per lo scacco matto finale. Non è tempo di aspettare.

Non occorre ricordare come decine di provvedimenti continuino ad incastrarsi come un puzzle, spesso stilati ad hoc per limitare la sostenibilità del Ssn (se così si può ancora chiamare). Eppure è la nostra abnegazione che ci pone ancora ai vertici delle classifiche internazionali come professionisti e come erogatori di buona qualità delle cure. Non è tempo di aspettare.

Certo che la soglia di resistenza ormai è superata, adesso non basta più la buona volontà, ci sono i giovani che vorrebbero sostituire i pensionandi e ai quali non ne è concessa la possibilità. Con machiavellici escamotage, tutto deve avvenire ad invarianza di spesa. Si annunciano provvedimenti di sblocco del turnover, ma si rimane fermi alle dotazioni organiche del 2004 - 1.4%, che fa somma zero.

Un Dpcm precari che viaggia a 21 velocità diverse, quanti sono i sistemi sanitari regionali, con il risultato di "interpretarlo" e "piegarlo" ad esigenze di ricatto o di risparmio. Sempre più Regioni, immolate al pareggio di bilancio, licenziano giovani; eppure quei medici garantivano salute e presidiavano una tutela sociale. Non è tempo di aspettare.

Un Sud dove la spesa pro/capite per la Sanità è tra le più basse, la forbice con il Nord per l'accesso alle cure sempre più grande, gli indicatori clinici in caduta e operatori minacciati. Non è tempo di aspettare.

Molti si affannano a trovare soluzioni, anche bizzarre, quasi a voler reclamare con l'annuncio di sonanti cifre in sprechi, una difesa dell'universalismo delle cure e che una dieta "dimagrante" sia la panacea dei mali. Schemi rigidi che ancora una volta sacrificano il capitale umano dei giovani. Non è tempo di aspettare.

Una formazione medica, da anni spinta verso secche e dove a prevaricare sono interessi di bottega. Piccoli orticelli che sanno di vecchio, mentre migliaia di colleghi scappano dal nostro Paese, "catturati" da agenzie che procacciano a suon di quattrini. Ma forse è quello che si vuole. Una vera vittoria: gli ospedali si svuotano con carenza di specialisti non sostituiti, e al grido del diritto allo studio si creano le basi per un flusso dei nuovi disoccupati, quelli del domani. Non è tempo di aspettare.

Badate che non si tratta di una questione di soldi, quelli ci sono nelle Casse dello Stato. Quali sfide allora. Siamo pronti a ripensare la professione medica non più all'interno di un sistema aziendalistico, che ci vede come “macchine” produttive, legate ad un salario? Siamo pronti ad accettare la sfida di abdicare ad essere "liberi pensatori" e creare una “disciplina” di idee funzionale ai tempi che mutano? Siamo pronti a traghettare i giovani colleghi verso un presente, che non ha il sapore di passato? Non è tempo di aspettare.

A voi chiedo, di unirci in queste due date importanti ed essere presenti. Siate certi che ci vedranno.

Domenico Montemurro
Responsabile Nazionale Settore Anaao Giovani


La lettera pubblicata su QUOTIDIANO SANITA'

18 novembre 2015

ORARIO DI LAVORO E SPECIALIZZANDI: LA DIRETTIVA EUROPEA SI APPLICA ANCHE A LORO? L'esperto dell'Anaao risponde.

Il legale dell'Associazione fuga ogni dubbio: le disposizioni in materia di riposo minimo contenute nella direttiva, si applicano ai medici specializzandi allo stesso modo dei lavoratori in generale. IL PARERE
La notizia è stata ripresa da SANITA'24

 

Il parere dell’esperto Anaao Assomed

La notizia è stata ripresa da SANITA'24: Orari di lavoro, Anaao: "Le norme Ue sui riposi si applicano anche agli specializzandi". Indagine on line per stanare le irregolarità. - Leggi l'articolo

17 novembre 2015

"PRESENTE E FUTURO DEL MEDICO OSPEDALIERO" - Padova e Verona, 17 novembre ore 17,00 - Incontro per neospecialisti e medici in formazione organizzato dall'Anaao Giovani Veneto

L'evento organizzato dall'Anaao Giovani è rivolto a tutti i medici in formazione, medici strutturati e neospecialisti nonchè agli studenti e realtà interessate alle tematiche affrontate.

L'evento sarà svolto in contemporanea sia a Padova, presso l'Aula Magna della palazzina dei servizi dell'Azienda Ospedaliera (situata sopra la mensa), sia a Verona, presso l'Ospedale Civile Maggiore e saranno in diretta streaming percui sarà possibile avere un dibattito contemporaneo tra le due realtà.
Durante gli incontri si parlerà di: orario di lavoro (attuazione normativa europea prevista per il 25 novembre); RCP e colpa grave; Presentazione del Vademecum Anaao.

13 novembre 2015

Atti II Conferenza Nazionale Anaao Giovani
Oltre la Clinica. La professione medica oggi.
Napoli 24/25 settembre 2015

Dalla formazione, alla previdenza passando per l’organizzazione del lavoro, la libera professione, la responsabilità professionale. Sono questi i temi discussi in occasione della II Conferenza Anaao Giovani che si è svolta a Napoli, dove i quadri sindacali del settore si sono dati appuntamento per una due giorni di idee, analisi, approfondimenti con il felice esito di consegnare alla politica precise parole d’ordine.

13 novembre 2015

MEDICI E ORARIO DI LAVORO. Il falso "mito" del medico "instancabile". Se lavoriamo troppo siamo un pericolo per noi e per gli altri - Intervento di P. Gnerre (Direttivo Naz. AG), D. Montemurro (Responsabile Naz. AG), S. Costantino (Anaao Assomed), C. Palermo (Vice Seg. Naz. Vicario Anaao) - QUOTIDIANO SANITA'

Lo dimostrano decine di studi e ricerche internazionali che evidenziano come l’orario di lavoro prolungato e la deprivazione del sonno portino a malattie professionali e all’aumento del rischio clinico.

07 novembre 2015

Non è il conto delle ore a fare i medici più competenti. Lettera al Direttore di Alessandro Conte (Direttivo Nazionale AG) - QUOTIDIANO SANITA'

" Preoccupiamoci dunque, non di riformare, ma di far applicare quanto già esistente riguardo alla formazione medica in Italia, a livello pre e post laurea, prima di impegnarci nel calcolo di quante ore siano necessarie per fare un buon medico". Risposta ad una lettera firmata sull'orario di lavoro.

05 novembre 2015

ORARIO DI LAVORO, Garavaglia: «Mini-proroga in arrivo per la scadenza del 25 novembre». Dalle regioni prime ipotesi sulle deroghe. Anaao giovani frena - SANITA'24 e DOTTNET

I giovani sono preoccupati per un futuro ancora più incerto. «In questa situazione è chiaro che viene impedita qualsiasi stabilizzazione dei precari o sblocco del turnover con l’assunzione di giovani medici. E finisce per peggiorare le condizioni di lavoro di tutti i medici ospedalieri e in particolare degli ultracinquantenni».

leggi l'articolo

La posizione dell'Anaao Giovani è stata ripresa anche da Dottnet.it: "Orari di lavoro, in arrivo una mini proroga di due medi. La norma leggi l’articolo

05 novembre 2015

Orario lavoro medici. Specializzandi non siano la toppa a costo zero per ritardare l’applicazione della legge. Lettera al Direttore di Alessandro Conte e Pierino Di Silverio (Direttivo Naz. AG) - QUOTIDIANO SANITA'

03 novembre 2015

Riorganizzazione territoriale e formazione, l’appropriatezza parte da qui. Intervista a D. Montemurro (Resp. Naz. AG) - M.D. Digital

03 novembre 2015

APPROPRIATEZZA. Intervista a D. Montemurro (Resp. Naz. AG) su RADIO CUSANO CAMPUS

28 ottobre 2015

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: LE SOLUZIONI DEI MEDICI. Le proposte Anaao Giovani

Come è possibile contrastare la medicina difensiva, l’overdiagnosi e l’inappropriatezza? Ristrutturando il sistema.
A cura di Paola Gnerre, Andrea Rossi, Carlo Palermo, Domenico Montemurro, Chiara Rivetti

La strada per migliorare l’appropriatezza prescrittiva non passa attraverso quella dell’appropriatezza organizzativa intesa come introduzione del fascicolo sanitario elettronico, le modifiche sulla gestione della spesa sanitaria, la creazione di un progetto nazionale di Health Technology Assessment, l’attivazione dei percorsi diagnostici-terapeutici e la valutazione delle performance sanitarie attraverso l’analisi di indicatori di efficienza del sistema. Anaao Giovani propone alcune soluzioni per superare le criticità di un sistema oggi fortemente inappropriato (CLICCA QUI PER LEGGERE IL DOCUMENTO).

Continua – si legge nella nota - a non esserci l’integrazione ospedale e territorio e nulla è fatto perché ci si possa realmente integrare e manca la spinta propulsiva alla formazione degli operatori. Se il cambiamento demografico ha determinato la nascita del paziente “cronico” complesso e pluri-patologico e quindi ha modificato la tipologia di paziente da curare, se il cambiamento culturale della popolazione ha profondamente modificato il rapporto medico/paziente e se la congiuntura economica negativa ha imposto tagli lineari al sistema sanitario, l’organizzazione sanitaria non è cambiata. Noi continuiamo a lavorare con un sistema vecchio di oltre 50 anni che ha portato il medico ad essere un individuo stressato e il paziente/cittadino ad essere un individuo guardingo e sospettoso. Da qui nasce la medicina difensiva, l’overdiagnosi e l’inappropriatezza. Ma come è possibile contrastarle?

Semplicemente ristrutturando il sistema. E’ il sistema che deve essere modificato. Il Governo non dovrebbe sanzionare i medici ma le varie unità sanitarie che non favoriscono la ristrutturazione e non si fanno garanti dell’efficienza del Sistema. Sanzionare i medici perché ritenuti inappropriati è come sgridare un bambino senza spiegargliene la ragione. Il bambino continuerà a sbagliare e il medico continuerà ad essere inappropriato. Formazione, riorganizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali nell’ottica della continuità di cura sono le chiavi di svolta per consentire realmente la sostenibilità del nostro sistema sanitario. Se tutto ciò realmente si verificasse allora sicuramente nessuno obietterebbe al sanzionamento di quel medico che nonostante abbia gli strumenti per essere appropriato rifiuta di utilizzarli.

Il Documento è stato ripreso da: Agenparl - ImgPress - Quotidiano Sanità - Sanità24 - Panorama della Sanità - Diario del web.it - Radio Cusano Campus - M.D.Digital

27 ottobre 2015

ACCESSO A MEDICINA: no a proposte distruttive. Comunicato stampa Anaao Giovani

Anaao Giovani invita tutti gli studenti di Medicina e aspiranti tali ad unirsi, per continua-re a vigilare ed evitare che la Ministra Giannini possa attuare la folle abolizione del numero chiuso.

22 ottobre 2015

Stabilità. Un ulteriore inganno per i giovani medici, di Claudia Pozzi (Coordinatrice AG Macro Regione Centro) - QUOTIDIANO SANITA'

Si prenda atto della situazione della classe medica nella sua complessità, indipendentemente da manovre finanziarie limitate a somme algebriche di risparmi e di spese. Un controsenso. E' necessario prevedere un vero e proprio jobs act con un piano strutturato di interventi che preveda la stabilizzazione dei contratti di lavoro precari, eliminando i contratti atipici

21 ottobre 2015

Stati generali/ l'Anaao Giovani su SANITA'24 e sul blog di Guglielmo Pepe REPUBBLICA ONLINE

Stati generali/ Anaao giovani: «Il decreto precari non basta. Nella Stabilità si tagliano gli amministrativi. Vale anche per i medici? Urge svolta formazione» - SANITA'24
I giovani medici dell’Anaao rilanciano i temi del precariato e della formazione. Per il leader Domenico Montemurro: «Il Dpcm precari risolve pochissimi casi rispetto ai numeri reali dei medici con contratti atipici. Servono subito altre risposte alle migliaia di atipici». 
leggi l'articolo

La ribellione dei medici - l'Anaao Giovani nel blog di Guglielmo Pepe REPUBBLICA ONLINE
Lo sguardo al presente e al domani coinvolge anche le giovani generazioni a causa del precariato, una mannaia per decine di migliaia di medici, mentre la domanda crescente di camici bianchi rischia di non trovare risposte adeguate nel numero dei laureati che usciranno dalle università nei prossimi cinque anni (Domenico Montemurro, Anaao-giovani).
leggi l'articolo

19 ottobre 2015

Carichi di lavoro: dal 25 novembre via alla norma delle 11 ore. Si apre una nuova epoca? La prospettiva dei giovani medici. di Dario Amati, Maddalena Zippi, Domenico Montemurro, Maurizio Cappiello, Carlo Palermo (gruppo di lavoro Anaao-Assomed e Anaao Giovani) - SANITA'24

Si sa, a tirare troppo la corda si spezza, ed è così che negli ultimi anni, usurpando progressivamente il medico e il personale sanitario dai propri fondamentali diritti, tra cui per primo quello al riposo, l'Italia è stata sottoposta a procedura di infrazione con tanto di sanzione evitata solo in extremis. Il 25 novembre diventa finalmente attuativa la Legge 30 ottobre 2014, n. 161, che con l'art. 14 riallinea anche per i medici e il personale sanitario la nostra giurisprudenza agli altri paesi della CE in materia di orario di lavoro e durata dei riposi.

09 ottobre 2015

"Non ci provocate altrimenti ci arrabbiamo" - La II^ Conferenza Nazionale AG su DIRIGENZA MEDICA 8/2015

Entusiasti, curiosi, ma anche arrabbiati, determinati e un po’ emozionati. Sicuramente forti della voglia di prendere in mano le redini del loro futuro. Pronti a dire “no” a regole che non rispettano la specificità medica e la loro mission, ossia curare le persone.

02 ottobre 2015

Il dramma dei PRECARI del Lazio - Lettera di Maddalena Zippi (Resp. AG Lazio) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Gentile Direttore, recentemente Anaao Giovani ha condotto un’indagine sul fenomeno del precariato in Italia dalla quale sono emersi dati allarmanti, sottolineando come 14.000 siano i camici bianchi in bilico. Sono stati presi in considerazione i dati aggiornati al 31 Dicembre 2013 ed elaborati con il software statistico Stata Se. Andando ad analizzare nello specifico la situazione nel Lazio, i dati non sono affatto incoraggianti.

30 settembre 2015

II Conferenza Nazionale Anaao Giovani - Rassegna stampa

"Non ci provocate altrimenti ci arrabbiamo" - La II^ Conferenza Nazionale AG.
DIRIGENZA MEDICA 8/2015 - leggi l'articolo - ottobre 2015

“Non ci provocate altrimenti ci arrabbiamo”. I giovani medici dell’Anaao alla loro II^ Conferenza. Montemurro: “Vogliamo un sindacato flessibile e siamo pronti a confrontarci con tutti per difendere la sanità pubblica”.
QUOTIDIANO SANITA' - leggi l’articolo - 26 settembre 2015

Gelli (Pd) all’Anaao Giovani: “Da Fondo 2016 stabilizzazione precari e sblocco turnover”.
SANITA'24 - leggi l’articolo - 25 settembre 2015

Responsabilità professionale, Gelli (Pd): riequilibrare il rapporto medico-paziente.
DOCTOR33 - leggi l’articolo - 25 settembre 2015

"Adesso basta. Se vogliamo evitare la catastrofe serve un Jobs act anche per i medici". Intervista a Domenico Montemurro il leader dei giovani dell'Anaao: "Ma non chiamateci rottamatori".
QUOTIDIANO SANITA' - leggi l’articolo - 22 settembre 2015

29 settembre 2015

II Conferenza Nazionale Anaao Giovani - Analisi e proposte dei gruppi lavoro

Sei i temi dibattuti nel corso della due giorni di Napoli dove i giovani dell'Anaao si sono dati appuntamento per definire una piattaforma di intenti per il futuro della professione.
Le criticità della formazione, l'organizzazione del lavoro, la previdenza, la struttura della retribuzione, la libera professione e la responsabilità professionale sono state approfondite e discusse nei gruppi di lavoro.

scarica il programma e la metodologia

Gruppo di lavoro: FORMAZIONE
guarda il PPT

Gruppo di lavoro: ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO
guarda il PPT

Gruppo di lavoro: STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE
guarda il PPT

Gruppo di lavoro: LIBERA PROFESSIONE
guarda il PPT

Gruppo di lavoro RESPONSABILITA' PROFESSIONALE
guarda il PPT

Gruppo di lavoro: PREVIDENZA
guarda il PPT

23 settembre 2015

Precari e senza diritti, l'esercito dei camici bianchi fotografato dall'Anaao - DOCTOR33 - Intervista a Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG

22 settembre 2015

Indagine Anaao: i medici PRECARI sono 14mila - IL SOLE 24 ORE

I risultati del questionario inviato a tutte le aziende ospedaliere italiane. Tra le specialità più a rischio: ginecologi, internisti, medici del Pronto soccorso ma anche anestesisti e specializzati in chirurgia.

L'articolo pubblicato sul IL SOLE 24 ORE - 22 settembre
Lo studio completo pubblicato su IL SOLE 24 ORE SANITA' n.34/2015

I dati sono stati elaborati da: Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG), Maurizio Cappiello (Consigliere Naz. AG), Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna), Claudia Pozzi (Responsabile AG Toscana), Maddalena Zippi (Responsabile AG Lazio), Antonietta Pipoli (Responsabile AG Molise), Dario Amati (Responsabile AG Piemonte), Fabio Ragazzo (Direttivo Naz. AG), David Giannandrea (Responsabile AG Umbria).

15 settembre 2015

Studio Anaao Giovani - Sfida APPROPRIATEZZA. Se la burocrazia invade la cura - IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 33/2015

L'inappropriata richiesta di approfondimenti diagnostici o gli eccessi terapeutici rappresentano innanzitutto una questione di natura culturale medica e di etica professionale prima ancora che di economia o politica sanitaria. E' illusorio e politicamente, socialmente e scientificamente scorretto pensare di risolvere tali complessi problemi attraverso provvedimenti legislativi o sanzioni pecunarie.

A cura di Chiara Rivetti (Segreteria Anaao Piemonte), Paola Gnerre (Direttivo Naz. AG), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG), Carlo Palermo (Vice Segretario Vicario Anaao Assomed)

leggi l'articolo

15 settembre 2015

UNIVERSITA' RUMENA a Enna, al via le iscrizioni.  "Privato non è indice di qualità" il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG - DOCTOR33

Il lavoro non si garantisce privatizzando le università e creando un mondo a parte svincolato da regole e programmazione, ma intensificando le cose buone che già ci sono nel pubblico.

08 settembre 2015

Rebus FORMAZIONE, medici una corsa senza meta. La ricetta di Anaao - IL SOLE 24 ORE SANITA' n. 31-32/2015

A un'analisi superficiale, il numero di laureati previsti nel decennio 2014-2023 sembrerebbe risultare addirittura più basso rispetto alle cessazioni attese. Ma allora perchè parlare di rischio di "pletora medica"?

A cura di Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna), Domenico Montemurro (Responsabile Naz. AG), Fabio Ragazzo (Direttivo Naz. AG), Carlo Palermo (Vice Segretario Naz. Vicario Anaao Assomed).

leggi il servizio

02 settembre 2015

A Enna facoltà di Medicina in salsa rumena. Semaforo rosso del Miur. L'articolo di SANITA'24 riporta il commento di Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG

25 agosto 2015

FUGA DEI MEDICI DAI TEST.
Intervista a Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG a RADIO 24-SOLE 24 ORE - SPUNTI DI SVISTA

06 agosto 2015

LINEE GUIDA REGIONALI: ancora una beffa per i precari della sanità. Comunicato stampa Anaao Giovani

L’Anaao Giovani, non ringrazia il ministro Lorenzin per aver partorito il vuoto pneumatico e di fatto non considera tutelati i colleghi precari.

24 settembre 2015

ISCRIZIONE ON LINE CONFERENZA ANAAO GIOVANI DA MERCOLEDI 22 LUGLIO 2015 - Riservata solo ai delegati

La piattaforma per l’iscrizione on line alla II Conferenza Anaao Giovani è abilitata esclusivamente per i delegati Regionali e per gli organismi statutari di seguito elencati:

Componenti Direttivo Nazionale Settore Anaao Giovani
Responsabili Regionali Settore Anaao Giovani
Componenti Direzione Nazionale Anaao Assomed – Settore Anaao Giovani
Componenti Consiglio Nazionale Anaao Assomed – Settore Anaao Giovani

Prima di accedere alla piattaforma per l’iscrizione siete pregati di munirvi della login (numero di iscrizione) e della password (la stessa che utilizzate per accedere alle aree riservate del sito).
In caso di smarrimento dei dati richiederli a: anaaogiovani@anaao.it

CLICCA QUI per ISCRIVERTI

23 luglio 2015

I giovani in una sanità che cambia. Presentazione della II Conferenza Nazionale Anaao Giovani.

di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG).

22 luglio 2015

Riordino delle scuole di specializzazione. La voce ai giovani medici.

L'articolo contiene un'intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) - TECNICA OSPEDALIERA 7/2015

15 luglio 2015

Scuole di specialità, Bari inventa la pre-immatricolazione. Montemurro: "Impossibile che sia obbligatoria" - DOCTOR33

10 luglio 2015

SPECIALIZZAZIONI IN MEDICINA: GLI ERRORI GENERANO ERRORI.
Comunicato stampa Anaao Giovani

L'università di Bari il 6 luglio aveva avviato sul suo sito web una fantomatica "pre-iscrizione obbligatoria" prima della data del test di ammissione, poi sparita nel nulla nel giro di poche ore.
Anaao Giovani denuncia come questo fatto sia la prova lampante di un sistema creato sugli errori.
E anche stavolta il nostro sindacato, nel caso dovessero emergere gravi errori nelle procedure concorsuali, non si esimerà nel provare a dare una spinta vigorosa a quella sedia, in modo che tali scelleratezze non possano più accadere in futuro e che i giovani Colleghi possano avere un Concorso Nazionale degno di uno dei più importanti Paesi del Mondo.

leggi il comunicato stampa
Il comunicato è stato ripreso da: Adnkronos Salute, Quotidiano Sanità, Il Sole 24 Ore Sanità

07 luglio 2015

MEDICI E LAVORO, i dati sull'occupazione fanno discutere.

Intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale del Settore) - DOCTOR33

06 luglio 2015

Anaao: «La libertà di salute appesa al Ttip»

Intervento di Chiara Rivetti (segreteria regionale Anaao Piemonte) e Claudia Pozzi (responsabile Anaao Giovani Toscana) - SANITA'24

L’indagine, curata da Anaao Giovani, è diretta a tutti i medici che lavorano a qualsiasi titolo negli ospedali.

Se non l'hai già fatto rispondi all’indagine su https://it.surveymonkey.com/s/anaaogiovani

30 giugno 2015

Liguria/La best practice del progetto "Ponte" testato dalla Asl 2 Savonese sullo scompenso cardiaco.

Paola Gnerre (Direttivo Nazionale AG), Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG), Carlo Palermo (VIce Segretario Nazionale Vicario Anaao) su IL SOLE 24 ORE SANITA’ N. 25/2015

29 giugno 2015

Troppi tagli alla sanità: i nostri medici sono pochi, vecchi e stressati. Il Sondaggio Anaao Giovani sui carichi di lavoro. LINKIESTA

27 giugno 2015

Medici italiani sempre più stressati. La ricerca Anaao Giovani sui carichi di lavoro. RASSEGNA.IT

25 giugno 2015

ANAAO WEB TV - SOCIETA' SCIENTIFICHE E SINDACATO: ESISTE UN TERRENO COMUNE?

La risposta del Settore Anaao Giovani nell'intervista a Paola Gnerre, Componente Direttivo Nazionale AG

25 giugno 2015

Test medicina, non si placano le polemiche sulle riammissioni del Tar.

L'articolo di DOCTOR33 contiene il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

24 giugno 2015

Stipulato il Patto per la salute: ora realizziamolo!

Intervento di Paola Gnerre (Direttivo Nazionale AG)

24 giugno 2015

Perché l’ospedalizzazione domiciliare è fondamentale.

Bruno Nicora (AG)

15 giugno 2015

Medici e lavoro. I vantaggi di un Dipartimento per la formazione.

Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' di Domenico Montemurro (Resp.Naz. AG) in risposta all'articolo di Cavicchi.

13 giugno 2015

Medici stressati: analisi sul lavoro dei dottori. MAGAZINET

11 giugno 2015

ANAAO WEB TV - ORDINE DEI MEDICI: AAA GIOVANI CERCANSI - E' davvero così difficile avvicinare i giovani medici all'ordine?

Carla Fundoni, Componente del Direttivo Nazionale AG ci spiega la relazione tra i giovani medici e l'ordine dei medici.

10 giugno 2015

Medici e lavoro. Non esistono guerre intergenerazionali. Serve una riforma della professione.

All'indomani dal convegno organizzato a Salerno su “La professione medica e odontoiatrica: una corsa ad ostacoli dall’accesso formativo all’inserimento nel mondo del lavoro”, Ivan Cavicchi propone alcune riflessioni indirizzate anche al Responsabile Nazionale Anaao Giovani - QUOTIDIANO SANITA'

09 giugno 2015

Formazione medica: le regole sono uguali per tutti?

Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) e Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna)

06 giugno 2015

Quali chance dopo medicina? Viaggio nelle specializzazioni più appetibili.

Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

29 maggio 2015

Quando il medico italiano è costretto a migrare.

Alessandra Spedicato (Vice Responsabile Nazionale AG)

29 maggio 2015

SCUOLE SPECIALIZZAZIONE: il Bando del Miur scontenta tutti.

Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

28 maggio 2015

Anaao giovani: dalla Buona scuola alla Buona sanità. 

Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale AG), Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

26 maggio 2015

La realtà dell'INTRAMOENIA. L'esperienza dell'Aorn al "A. Cardarelli" di Napoli.

Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale AG)

21 maggio 2015

ANAAO WEB TV - L'UNIONE FA LA FORZA! Pianifichiamo il personale sanitario.

Alessandra Spedicato, Vice Responsabile Nazionale AG, illustra il perché della partecipazione dell’Anaao Assomed alla Joint Action on Health Workforce Planning and Forecasting

20 maggio 2015

SCUOLE di SPECIALIZZAZIONE: il malato cronico della sanità italiana.

Matteo d’Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna), Alessandro Conte (Direttivo Nazionale AG) e Alessandra Marrazzo (AG)

Leggi l'articolo su QUOTIDIANO SANITA'
Leggi l'articolo su SANITA'24

15 maggio 2015

Il Molise e il DPCM PRECARI. Se ogni regione fa per sé.

Antonietta Pipoli (Responsabile AG Molise)

30 aprile 2015

ANAAO WEB TV - QUANDO IL MEDICO SI AMMALA - Parabola di una professione in tempo di crisi, tra disagio umano e professionale.

Domenico Montemurro, Responsabile Nazionale AG, presenta i risultati dell’indagine sul fenomeno del burnout tra i medici italiani.

29 aprile 2015

«Quei neocamici bianchi già rottamati»

di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) - SANITA'24

Il patto generazionale più volte annunciato dal Governo, da attuare con una “staffetta ” e inserito in diversi provvedimenti, è stato clamorosamente disatteso. E' ben noto che i giovani camici bianchi una volta laureati, sia che abbiano o meno conseguito la specializzazione, entrano nel mondo del lavoro tardi, a una età che sfiora i 40 anni o anche più, dapprima con contratti precari e poi se fortunati con tempi indeterminati.
continua a leggere

Pierino Di Silverio (Direttivo Nazionale Anaao Giovani) su SANITA'24

24 aprile 2015

LA PENSIONE E' DAVVERO UN MIRAGGIO? Riflessioni e proposte oltre i Fondi di previdenza complementare.

Claudia Pozzi (Responsabile AG Toscana e Macro area centro)

Dario Amati (Responsabile AG Piemonte e Macro regione nord) e Maddalena Zippi (Responsabile AG Lazio) - QUOTIDIANO SANITA'

Intervento di Michela Piludu, Responsabile AG Sardegna e Simona Bonaccorso, Responsabile AG Sicilia su QUOTIDIANO SANITA'

Un decalogo per salvarsi. Dal massimale alla franchigia, e ancora dalla retroattività e garanzia postuma fino alle spese legali e al premio. Dieci punti per fare chiarezza e firmare consapevolmente polizze che non abbiano sorprese al momento del bisogno. Con un occhio di riguardo alle novità per i giovani medici contenute nell'ultima bozza del Dpr.

14 aprile 2015

SE IL LAVORO DIVENTA UNA GUERRA. La Survey Anaao giovani sui carichi di lavoro - Il Sole 24 Sanità n. 14/2015

E’ stressato. Vive la propria attività lavorativa come causa di una vita privata insoddisfacente. Gestisce da solo fino a 22 pazienti e più al giorno. Svolge dalle 7 alle 16 guardie al mese e spesso, per carenze d’organico, è costretto a lavorare anche dopo il turno notturno. Non riesce ad usufruire della pausa pranzo in orario di lavoro. Non ha tempo per coltivare un hobby o uno sport. Accumula oltre 150 ore annue di straordinario, che difficilmente potranno essere recuperate o monetizzate.

Questo il ritratto professionale e psicologico del medico ospedaliero che emerge dall’indagine realizzata da Anaao Giovani su un campione di quasi 2000 risposte, suddivise per aree geografiche e per età.

Leggi la survey pubblicata suIl Sole 24 Ore Sanità n. 14
Leggi la survey su Sanità24 online

Leggi il comunicato stampa
Ne hanno parlato: Adnkronos Salute, In Salute News, Panorama della Sanità Web, Quotidiano Sanità, Focus.it, Padova News,Telenord LiguriaIl Friuli onlineNews FadoiGiornale di Sicilia, Panorama Web, Healthdesk, EcosevenCrems

04 aprile 2015

Medici, rischi più coperti. Per i giovani accesso agevolato al fondo. ItaliaOggi 4 aprile 2015

La novità nel Dpr sui requisiti minimi per i contratti di assicurazione.
leggi l'articolo pubblicato su ItaliaOggi il 4 aprile

01 aprile 2015

FORMAZIONE MEDICA: una corsa a ostacoli - Comunicato Anaao Giovani e le citazioni sulla stampa

Anaao Giovani chiede al Governo un vero cambiamento di paradigma, evitando di continuare a giocare con la dignità dei giovani medici ed i destini del sistema sanitario.

01 aprile 2015

PENSIONI: si parte dagli under 40. Operazione Inps per far conoscere il proprio futuro previdenziale.
IL MESSAGGERO

01 aprile 2015

ASPIRANTI MEDICI regolati.
Accesso alle specializzazioni entro il 31 luglio.
ITALIAOGGI

L'ok del Consiglio di Stato alle nuove norme per il completamento della formazione "Regolamento concernente le modalità per l'ammissione dei medici alle scuole di specializzazione"

31 marzo 2015

SPECIALIZZANDI. Il countdown per un salto nel buio.

Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' di David Giannandrea (Responsabile AG Umbria), Antonio Selvi (Segretario regionale Anaao Assomed UMbria) e di un gruppo di specializzandi.

Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' di Antonietta Pipoli (Responsabile AG Molise) e Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

27 marzo 2015

La sanità in Veneto

Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto) alla trasmissione DIRETTA VERONA su TELEARENA

27 marzo 2015

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE. Quando iscriversi diventa una scommessa.

Intervento di Matteo d'Arienzo ( Responsabile AG Emilia Romagna) su QUOTIDIANO SANITA'

Dopo diversi mesi di incertezza e silenzio, rotto dalle sole voci delle associazioni di categoria che a più riprese hanno invocato una maggiore attenzione programmatica in vista del tanto sbandierato “accorciamento” della durata dei corsi di Formazione specialistica, in un tranquillo martedì di Marzo all’improvviso è scoppiata la tempesta.
leggi l'intervento

Intervista a Domenico Montemurro di DOCTORNEWS

Di Dario Amati (Responsabile AG Piemonte e Macro Regione Nord) e Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) su QUOTIDIANO SANITA'

Lettera di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale AG) e Pierino Di Silverio (Direttivo Nazionale AG) al Direttore di QUOTIDIANO SANITA'

Intervento di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale Anaao Giovani) su QUOTIDIANO SANITA'

Intervento di Alessandra Spedicato (Vice Responsabile Nazionale AG) e Michela Piludu (Responsabile AG Sardegna) su QUOTIDIANO SANITA'

Intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

Intervento di Paola Gnerre (Direttivo Nazionale AG) e Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) - QUOTIDIANO SANITA'

10 febbraio 2015

VARATO il decreto delle scuola di specializzazione in medicina.

Il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG) su IL SOLE 24 ORE SANITA' N. 5/2015

05 febbraio 2015

SCUOLE di specializzazione medica: osare di più - 5 febbraio 2015
leggi stampa il comunicato
vai alla rassegna stampa

05 febbraio 2015

Lorenzin controfirma il decreto sulle nuove scuole di specializzazione di medicina: ridotti di un anno 30 corsi su 50. Ecco il testo

 L'articolo riporta il commento di Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

Lettera al Direttore di QUOTIDIANO SANITA' di Claudia Pozzi (Responsabile AG Toscana e Macro Regione Centro) e Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG)

29 gennaio 2015

Errare è umano, perseverare no: il perchè allora di una graduatoria unica per i giovani medici.

Intervento di Alessandro Conte (Direttivo Nazionale AG)

di Maurizio Cappiello (Consigliere Nazionale AG) pubblicato su QUOTIDIANO SANITA'

25 gennaio 2015

“Meglio ricercati che ricercatori". Il giovane medico ed il dottorato di ricerca in italia.

di Andrea Rossi (Responsabile AG Veneto) e Francesco Ursini (Responsabile AG Calabria e Macro Regione Sud). 

Intervento di Gabriele Romani (AG) in risposta all'intervista del deputato Raffaele Calabro' - QUOTIDIANO SANITA'

16 gennaio 2015

I giovani medici, le partite iva e il caos previdenziale: come uscirne?

Intervento di Matteo D'Arienzo (Responsabile AG Emilia Romagna) e Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale Anaao Giovani)

15 gennaio 2015

RICERCA MEDICA, in Italia il 40% lavora gratis.

Intervista a Domenico Montemurro (Responsabile Nazionale AG).

Le riflessioni di Domenico Montemurro (Responsabile nazionale AG) e Eleonora Franzini Tibaldeo (studentessa di Medicina) pubblicate su QUOTIDIANO SANITA' e IL SOLE 24 SANITA' WEB

Anaao ti tutela
Pronto soccorso medico-legale e assicurativo
Medici in pensione
Informazioni parlamentari
Banca dati normativa in sanita
Anaao Card
Anaao ti assiste
Assistenza legale
Assistenza fiscale
Anaao ti assicura
Copertura tutela legale gratuita
Polizza responsabilità civile professionale "colpa grave"
Polizza unica
Copertura contagio ospedaliero
Servizio Doctor Help Desk
Anaao ti informa
Newsletter
Iniziativa Ospedaliera
Dirigenza medica
Editoria
Segreteria Nazionale sede di Roma
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
segreteria.nazionale@anaao.it
segreteria.nazionale@anaao.postecert.it
Dipartimento Amministrativo
Via Scarlatti, 27 - 20124 MILANO
Telefono 026694767 - Fax 0266982507
segr.naz.milano@anaao.it
segr.naz.milano@anaao.postecert.it
Dipartimento Organizzativo
Via Sant'Aspreno, 13 - 80132 NAPOLI
Telefono 0817649624 - Fax 0817640715
segr.naz.napoli@anaao.it
segr.naz.napoli@anaao.postecert.it
Ufficio stampa
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
ufficiostampa@anaao.it
Coordinamento servizi agli Associati
Via XX Settembre, 68 - 00187 ROMA
Telefono 064245741 - Fax 0648903523
servizi@anaao.it